Leader islamico ‘italiano’: Salvini riconosca l’Islam

Condividi!

Hamza Piccardo ha scritto una lettera a Matteo Salvini. Fondatore dell’Unione delle comunità islamiche italiane (Ucoii), estensione dei Fratelli Musulmani in Italia, mentre il figlio è leader del Coordinamento delle Associazioni Islamiche di Milano (Caim), fazione estremista milanese.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Il governo organizzi una consultazione che possa mettere ordine nell’Islam italiano. Siamo stufi di questa anarchia”, dice. Vuole rendere chiara l’egemonia wahabita sull’islam cosiddetto italiano.

Suo figlio era tra i manifestanti che pregarono di fronte alla redazione del Giornale calpestando i fogli del quotidiano.

Leader islamico in Italia: “Spero Italia a maggioranza musulmana, presto partito come Erdogan” – ASCOLTA

“Purtroppo questi 13 anni di parole e dichiarazioni d’intenti non hanno prodotto niente, ho seguito da vicino tutto il processo e mi sono convinto che abbiamo sbagliato metodo, noi musulmani e lo Stato – continua Piccardo – Nessuna delle organizzazioni presenti sul territorio rappresenta significativamente i musulmani d’Italia, presto tre milioni, uno dei quali cittadini italiani”. Dunque chiede “che il ministero dell’Interno, che ci conosce bene da sempre, promuova e istituisca un processo elettorale che conduca all’elezione di una rappresentanza democratica dei musulmani italiani con la quale dialogare per dar corpo a quanto previsto: un’intesa ex art. 8 della Costituzione”.

Non si fanno accordi con l’Islam. Sono invasori. Il loro posto è fuori dall’Italia. Possiamo tollerare la loro presenza – di un piccolo numero – ma senza pretese di moschee (che sono caserme) e riconoscimenti. L’islam italiano non esiste.




Un pensiero su “Leader islamico ‘italiano’: Salvini riconosca l’Islam”

Lascia un commento