Riace, Sinistra manifesta per traffico clandestini

Condividi!

Il giorno dopo i morti per l’alluvione che ha colpito la Calabria, tutto il sistema che fa soldi con l’accoglienza è a Riace per manifestare la propria solidarietà a chi ha fatto dell’accoglienza un crimine contro gli italiani. E distratto soldi dalla cura del territorio per favorire la permanenza di fancazzisti afroislamici.

VERIFICA LA NOTIZIA

Si stanno radunando a Riace dove un corteo, partendo dalla base del paese raggiungerà la magione di Domenico Lucano, il sindaco arrestato martedì scorso per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per la sparizione di alcuni milioni di euro.

Demenziali gli striscioni: “arrestato Lucano per arrestare un modello di integrazione eccellente”, “Il mondo lo adora, l’Italia lo arresta”. L’assessore comunale di Napoli Enrico Panini, presente in rappresentanza del sindaco Luigi de Magistris, ha detto di essere “contro la politica xenofoba di Salvini. Giù le mani da Mimmo Lucano”. La strada di accesso al paese è ormai bloccata dalle auto in sosta e gli ultimi arrivati vengono fatti fermare a circa 3 chilometri dal centro abitato. Ecco, ora l’avete ripopolato: di scemi.

Se oggi una perturbazione quantica facesse sparire Riace, il QI italiano subirebbe un notevole rialzo e da domani la pornografia cuckold un tracollo. Si sono concentrati tutti lì!

Sia chiaro, il crimine più grave di Lucano, non è l’avere fatto sparire milioni di euro, come accusa la procura, o avere organizzato matrimoni fasulli per regolarizzare prostitute clandestine. Il crimine più grave è stato l’avere anche solo concepito l’idea di ripopolare un paese italiano con immigrati: solo per questo dovrebbe essere condannato al plotone d’esecuzione per alto tradimento. Tutto il resto, davanti a questa idea di sostituzione etnica, scompare.




Lascia un commento