Casa Kyenge: cannibalismo, ragazzi costretti a violentare le loro madri e collane di vagine amputate

Condividi!

Mentre Kyenge è impegnata a definire barbaro il governo italiano e a darci lezione di accoglienza e rispetto delle diversità, a casa sua, in Congo, accadono cose inenarrabili.

VERIFICA LA NOTIZIA

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, terribili atrocità, tra cui stupri di gruppo e cannibalismo, si stanno verificando nella Repubblica Democratica del Congo.

Nella regione del Kasai, ragazzini sono stati costretti a violentare le proprie madri, a bambini soldato è stato assicurato che la stregoneria avrebbe permesso loro di prendere pallottole senza morire, e le donne sono state costrette a scegliere tra stupro di gruppo o morte.

Ribelli e truppe governative hanno commesso atrocità durante il conflitto, compreso lo smembramento dei civili, secondo quanto riferito da un team delle Nazioni Unite.

La squadra che ha indagato sul conflitto nella regione, la settimana scorsa ha dichiarato al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite di credere che tutte le parti in guerra siano colpevoli di crimini di guerra e crimini contro l’umanità. L’umanità, in Congo.

Il dettagliato rapporto di 126 pagine elenca gli orribili attacchi durante il conflitto scoppiato alla fine del 2016, con la partecipazione delle milizie Kamuina Nsapu e Bana Mura e delle forze armate congolesi, le FARDC.

“Una vittima ci ha detto che nel maggio 2017, ha visto un gruppo della milizia Kamuina Nsapu trasportare genitali femminili (clitoride e vagine) come medaglie”, dice il rapporto.

Alcuni testimoni ricordano di aver visto persone tagliare, cucinare e mangiare carne umana, inclusi peni tagliati da uomini ancora vivi, in particolare le FARDC, e bere sangue umano.

Pensate a Pamela.

L’investigatore capo Bacre Waly Ndiaye ha detto al Consiglio che in un incidente almeno 186 uomini e ragazzi di un villaggio sono stati decapitati da Kamuina Nsapu, molti dei quali erano bambini costretti a combattere disarmati convinti che la magia li avesse resi invulnerabili.

Molti di questi bambini soldato sono stati uccisi quando i soldati delle FARDC hanno sparato indiscriminatamente, ha detto.

I corpi venivano spesso sepolti in fosse comuni … o qualche volta venivano impilati in camion dai soldati per essere seppelliti altrove.

Inizialmente, si pensava che ci fossero circa 86 fosse comuni, ma dopo aver indagato sul campo, la squadra ne ha trovate centinaia.

“Non ne eravamo consapevoli ed è molto curioso. Ma questa è chiaramente una campagna stampa motivata politicamente che non ha nulla a che fare con la giustizia “, ha replicato il governo congolese.

Curiosamente, l’unico Paese africano dove ci sono regioni con vere guerre, è anche l’unico Paese da dove non arriva praticamente nemmeno un richiedente asilo.




Lascia un commento