Ong Lifeline con 400 clandestini verso Italia, Salvini li blocca: “Ve li portate in Olanda”

Condividi!

Ci risiamo. Una nave delle Ong, la famigerata olandese Lifeline, ha sottratto centinaia di clandestini alla Guardia Costiera libica che stava intervenendo per riportarli indietro. Ora, esige di trasferirli su navi della Guardia Costiera italiana perché vengano traghettati in Italia. La risposta di Salvini: “L’Italia la vedete in cartolina, portateli in Olanda.

Non solo. Il governo populista ha impedito alla Guardia Costiera italiana di intervenire in acque tra Libia e Tunisia per prelevare altri clandestini: una svolta rispetto ai tempi del PD.

“La nave Ong Lifeline sta agendo in acque libiche fuori da ogni regola, fuori dal diritto internazionale”. A dirlo è il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, spiegando che la nave ha imbarcato profughi contravvenendo alle istruzioni della guardia costiera libica che stava intervenendo. E il vicepremier Matteo Salvini annuncia: “Avete fatto un atto di forza? Bene, questo carico di esseri umani ve lo portate in Olanda, fate il giro un po’ largo”.

🔴 Ennesima gravissima violazione da parte di una nave Ong in acque libiche.Basta! Verso mezzogiorno seguitemi LIVE su questa Pagina.

Posted by Matteo Salvini on Thursday, June 21, 2018

Il gioco è sempre lo stesso. Rubare clandestini alla Guardia Costiera libica, violando le leggi, per poi scaricarli su navi mercantili che li portino in Italia. Giocando sulla inadeguatezza del mezzo:

Il ministro dell’Interno nella diretta Facebook ha spiegato nel dettaglio cosa è successo. “Lifeline contravvenendo a tutte le regole e a tutte le leggi, avendo spento da giorni le strumentazioni, di forza ha caricato a bordo 224 clandestini. Erano su gommoni partiti dalla Libia su acque di competenza della Libia. La Guardia costiera italiana ha scritto alla Ong ‘non muovetevi ci pensano le autorità libiche’. Lo stesso ha fatto la Libia. Cosa hanno fatto questi disgraziati? Mettendo a rischio la vita dei migranti, non hanno ascoltato le autorità italiane e libiche e sono forzosamente intervenuti per caricare il prezioso quantitativo di carne umana a bordo. Perché sono buoni? Mi lasciate nel dubbio che lo facciano per interesse? Altrimenti con le motovedette libiche lì non sarebbero intervenute”.

La risposta del ministro è stata durissima: “Cosa facciamo? – ha detto Salvini – Questa nave di pseudo volontari batte bandiera olandese. Questa nave l’Italia la vedrà solo in cartolina. Ma non perché io sono cattivo. Perché le regole vanno rispettate e non si gioca con le vite umane. Avete fatto un atto di forza? Bene questo carico di esseri umani ve lo portate in Olanda. Penso che siano disponibili ad assecondare la vostra bontà in Olanda. Porti italiani nisba, fate un giro più largo”. E infatti Salvini ha mostrato in diretta la nota ufficiale del Viminale inviata all’Olanda per chiedere di farsi carico della nave di Mission Lifeline.

La Guardia costiera italiana non interviene
A emergere è però un altro episodio. “Visto che le motoverdette libiche erano impegnate in operazioni rese impossibili da loro (l’Ong, ndr), a ovest della Libia sono stati segnalati altri due gommoni. Hanno chiamato la Guardia costiera italiana ma sono a 18 miglia dalla Libia e vicino alla Tunisia. Non si capisce perché dobbiamo intervenire noi. Abbiamo chiesto l’intervento della Tunisia, visto che i libici non possono esserci perché stranno litigando con l’Ong. E visto che siamo al confine con la Tunisia intervengano loro o Malta”.

Un radicale cambio di rotta, dunque. Fino ad oggi, infatti, quando Tunisi non era in grado di intervenire l’Mrcc di Roma ha sempre preso il comando delle operazioni. Ora basta: “Anche le navi della marina italiana che fanno un lavoro eccezionale, ora dovranno stare nei pressi delle nostre coste. Ci sono altri che devono intervenire. Penso a Malta e alla Tunisia. Non possiamo farci carico da soli dei costi sociali dell’immigrazione”.

E’ finita la pacchia anche per le crocerossine col bonus missione.

Scafisti e loro complici, l’Italia dice STOP.Ridurre partenze e morti, difendere i confini italiani.Io vado avanti!

Posted by Matteo Salvini on Thursday, June 21, 2018

Ricordiamo chi sono i trafficanti umanitari di Lifeline:

La confessione dell’Ong: «Dobbiamo vivere nel marciume»




Lascia un commento