Registrazioni inchiodano Malta, nave Ong dirottata verso Italia

Condividi!

Aveva ragione Salvini. Malta ha rifiutato di accogliere la nave “Seefuchs” della famigerata ong tedesca Sea Eye, al centro di una polemica tra Italia e Malta dopo che Salvini, per 80 ore, si era rifiutato di farla attraccare in Italia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il comandante Klaus Stadler della nave ha consegnato, su richiesta della Guardia costiera italiana, tutta la documentazione disponibile, anche le registrazioni dei colloqui e le mail indirizzate alla capitaneria maltese per richiedere assistenza allo sbarco viste le condizioni meteomarine in peggioramento. Dalla Valletta è sempre arrivata una risposta negativa. “Siamo disponibili solo per evacuazione medica”, fecero sapere da Malta offrendo unicamente assistenza in mare. A patto che non sbarcassero nell’isola.

“Stiamo scannerizzando una per una le navi delle Ong e qualche cosa abbiamo già scoperto”.

“Navi olandesi, spagnole, inglesi, tedesche che girano per il Mediterraneo, arrivano davanti a Malta che gli fa ‘ciao ciao’ non le fa attraccare e allora vengono a fare i loro comodi in Italia – ha detto Salvini durante una diretta su Facebook – se pensano di ripetere quello che hanno fatto finora, con sbarchi su sbarchi, sappiano che ora il ministro e il governo sono cambiati. Io non starò a guardare”.

Ieri Malta aveva negato. Ma oggi le prove che li inchiodano.

C’è un solo modo per bloccare l’invasione:

Generale a Salvini: “Blocco navale e incursioni dei reparti speciali per fermare l’immigrazione”

Intanto, chiudere i porti italiani alle navi delle Ong. Non ci deludere Salvini. Anche perché l’obiettivo non può essere dirottare le navi a Malta, ma non farle partire dalla Libia e dalla Tunisia. A costo di compiere azioni militari sotto copertura contro gli scafisti e le loro ong.




Lascia un commento