Operaio marocchino licenziato dopo 30 anni: “Al tuo posto c’è un robot”

Condividi!

In quell’azienda ha lavorato trent’anni. Ciò non è bastato ad evitargli il licenziamento perché il suo mestiere, adesso, verrà svolto da una macchina.

Si chiama “giustificato motivo oggettivo“: la fattispecie che ha portato l’azienda – che produce taniche e contenitori e ha sede a Melzo, Milano, ma fa parte di un gruppo multinazionale – a dare il benservito al lavoratore prevede la possibilità di licenziare “per ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa”. In altre parole: in caso di mutamento nell’attività e nell’impossibilità di ricollocare il dipendente l’azienda sarà legittimata a procedere stracciando il contratto di lavoro. Così è stato per il 61enne Osmu Labib, originario del Marocco e a pochi anni dalla pensione, operaio da tre decadi e dal 1991 invalido dopo aver perso una mano sotto una pressa.

VERIFICA LA NOTIZIA

Da allora era assegnato ad una mansione più agevole, nello specifico quella di apporre i tappi provvisori sulle taniche prima della verniciatura. Mansione che adesso sarà effettuata da “Paint Cap Applicator”, robot ultimo ritrovato della tecnica in grado di svolgere lo stesso lavoro.

“Abbiamo valutato la possibilità – si legge nella lettera di licenziamento, 17 righe in una scarna pagina – di assegnarla ad altre mansioni riconducibili alla sua professionalità. Purtroppo non è stata reperita alcuna posizione lavorativa vacante, essendo tutti i posti già occupati da altri dipendenti”. In altre parole: una macchina ti ha sostituito, non abbiamo più bisogno di te.

Al di là del dramma personale, dobbiamo imparare una cosa: anche i pochi immigrati che ci servivano, d’ora in poi non ci serviranno più. Quindi sarebbe folle continuare ad importare manodopera, anche alla luce della disoccupazione italiana. E’ bene prepararci ad un futuro in cui i lavoratori necessaria saranno probabilmente la metà di oggi: per questo il ‘calo demografico’ non è un dramma ma un’opportunità, a patto da non compensarlo con ingresso di stranieri.




Lascia un commento