Milano: 1.400 euro al mese per ogni minore, ma solo se immigrato

Condividi!

Cento posti tutti per loro, “riservati” ai sedicenti minori’. Per fare in modo che abbiano tutto ciò di cui necessitano. E per evitare – come accade oggi – che siano costretti a condividere le strutture con i loro coetanei adulti che non sono riusciti a fregare le autorità.

Il comune di Milano ha dato al via alla sperimentazione per i centri di accoglienza dedicati ai cosiddetti minori non accompagnati, profughi ‘minorenni’: ovvero presunti 17 enni à la Minala.

Dopo la firma di un protocollo con la Prefettura, il PD aprirà una serie di centri ad hoc mettendo a disposizione cento posti extralusso.

Truffa: 43% profughi è finto minore, il caso del 55enne in Italia

Gli oneri economici connessi all’attuazione del protocollo saranno a carico dei contribuenti italiani che provvederanno a corrispondere 45 euro al giorno per ogni presunto minore.

“Milano è in prima fila nella battaglia per la difesa dei diritti dei più piccoli, da qualsiasi terra provengano. Per questo motivo – il commento dell’assessore alle Politiche Sociali, Pierfrancesco Majorino – il comune, prima di molti altri in Italia, ha avviato un’esperienza significativa finalizzata a tutelare i minori stranieri che, affrontando un lungo viaggio, arrivano nel nostro Paese, e che, proprio per questo, hanno bisogno di attenzioni particolari e di un’accoglienza che sia diversa da quella degli adulti”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Pensate se il governo desse ad ogni minore italiano 45 euro al giorno, ovvero circa 1.400 euro al mese. Voi genitori spendete per i vostri figli 1.400 euro al mese? Ce li avete?




Lascia un commento