Italiano morto in Turchia, profondo solco in testa

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Alessandro Fiori, il giovane manager italiano di 33 anni di Soncino (Cremona), partito il 12 marzo per Istanbul dove aveva programmato di restare un paio di giorni e trovato cadavere lo scorso 28 marzo, sarebbe morto a causa di una profonda ferita alla testa ‘solco’, rilevata nella parte posteriore della testa, di cui andranno chiarite origine e cause con esami più approfonditi. E’ uno dei primissimi esiti dell’autopsia che è stata effettuata oggi all’Istituto di Medicina legale di Milano dall’anatomopatologa Cristina Cattaneo.

I medici legali milanesi hanno preso contatto con i loro colleghi turchi che avevano già fatto analisi sul cadavere. La nuova autopsia di oggi confermerebbe, da quanto si è saputo, che il 33enne ha subito un colpo nella parte posteriore della testa che ha lasciato un profondo solco, ma gli ulteriori accertamenti che proseguiranno nei prossimi giorni dovranno cercare di stabilire l’origine e le cause di quella lesione.




Un pensiero su “Italiano morto in Turchia, profondo solco in testa”

Lascia un commento