Lombardia, Fontana: “Moratoria immigrati”, Gori: “Permesso a clandestini”



Condividi!

Una moratoria agli arrivi di immigrati in Lombardia per almeno un anno: Attilio Fontana, candidato di razza del centrodestra, torna ad attaccare sul tema immigrazione. Dopo la promessa, se eletto, di fare espellere centomila clandestini, l’ex sindaco leghista di Varese propone di bloccare la macchina dei trasferimenti sul territorio regionale.

«La Lombardia ha già dato tanto», è la convinzione di Fontana che ricorda: «Ospitiamo il 14 per cento dei quasi 200mila richiedenti asilo presenti in Italia». Per questo «uno dei miei primi impegni da governatore sarà chiedere un tavolo, a Roma, al ministro degli Interni, per ottenere una moratoria».

VERIFICA LA NOTIZIA

La distanza con Giorgio Gori non potrebbe essere più ampia. Basta un’occhiata alla «bozza» del programma del candidato del centrosinistra che descrive una Lombardia «terra accogliente» e che nella sua visione generale ricalca la proposta di legge «Ero straniero» firmata Emma Bonino a partire dall’idea di permessi di soggiorno a tutti i migranti (anche i clandestini con richiesta d’asilo bocciata) con proroga «nel caso il soggetto dimostri fattivamente di essere in grado di provvedere al proprio sostentamento, di essere diligente nell’apprendimento dell’italiano». Tra i punti anche il potenziamento del sistema d’accoglienza diffuso Sprar e un piano di formazione e lavoro per i migranti.

Lascia un commento