Bonino svela programma Sinistra: “Sarò ministro e regolarizzerò 500mila clandestini” – VIDEO

Condividi!

La Bonino è come i balconi. Se ci basassimo sul suo ragionamento, senza ‘migranti’ ci sarebbe bisogno anche di meno poliziotti, meno agenti penitenziari e meno medici. E’ ovvio che l’aumento della popolazione, in questo caso in modo sproporzionato in settori come il crimine, impone di assumere più individui in quei settori. Ma è un costo, non una risorsa.

Nel caso dei prof, poi, va rovesciata la questione: potremmo assumerne lo stesso numero per un numero inferiore di alunni, così da avere classi meno affollate dove si insegna e impara meglio. Ma non ditelo alla lustrascarpe di Soros.

Dopo aver messo a punto un piano per dare permessi di soggiorno temporanei a 500mila irregolari, la leader di +Europa torna a sostenere che gli stranieri siano indispensabili agli italiani.

VERIFICA LA NOTIZIA

“800mila famiglie italiane hanno una colf, nessuna di queste italiana: sono 800 mila famiglie che vivono con immigrati”, dice la Bonino a Tagadà, “Possiamo parlare di tutti gli agricoltori: se non ci fossero immigrati nessuno raccoglierebbe i pomodori, le olive… Quello che da più fastidio sono 500mila irregolari che non possono lavorare, passando giornate a non fare niente, e quindi o lavorano in nero per imprenditori italiani o colludono con una parte di criminalità. Un modo per superare questo è legalizzare quelli che lavorano in nero. Lo ha fatto il governo di destra con la sanatoria del 2002. Noi portiamo la proposta della legalizzazione di chi è integrato di chi ha un lavoro e per lo sveltimento delle procedure. Ma già 900 mila persone sul territorio italiano sono state regolarizzate. Se non ci fossero gli imprenditori della paura quel numero” di italiani che pensano che i migranti siano un problema “sarebbe ridotto. È un problema governabile. Quando senti un esponente politico, Berlusconi, che dice che 500 immigrati clandestini sono tutti criminali…I figli degli immigrati sono 800 mila e senza di loro 68 mila insegnanti non lavorerebbero”.

No, i balconi sono meno fuori di lei. Quindi, visto che abbiamo 800mila colf – ma la metà sono italiane e potrebbero essercene altre se non ci fosse le straniere, magari pagate meglio – allora dobbiamo tenerci anche altri milioni che servono a nulla?

E poi l’agricoltura: non vogliamo schiavi negri, vogliamo robot, vogliamo investire nel futuro, non nei campi di cotone. Perché investendo in robotica generi anche ricchezza con assunzione di ingegneri italiani invece che di raccoglitori di pomodoro africani.




Lascia un commento