Governo abusivo svende ai Cinesi i porti italiani

Condividi!

I cinesi sono pronti a invadere il Mediterraneo nel quadro della Belt Road Initiative o Via della Seta. Vogliono i nostri porti per inondarci meglio di prodotti spazzatura. Perché nel loro proteggo di dominio globale noi siamo solo consumatori, non dobbiamo più produrre nulla di rilevante.

E il Governo abusivo e scaduto, che spara le ultime marchette, ha avviato un tavolo tecnico con quattro ministeri sul dossier. Sono coinvolti i tecnici dei dicasteri delle Infrastrutture, dell’Economia, della Cooperazione internazionale e della Coesione territoriale. Si cerca di creare un asse con i potenziali investitori

I cinesi, attraverso il colosso di Stato Cosco, terzo polo mondiale nel settore trasporto via container alle spalle di Maersk e Msc, hanno già conquistato il porto del Pireo, grazie ai buoni uffici di un altro sinistrato, Tsipras, ed è entrato nel capitale, con il 40%, della piattaforma logistica di Vado Ligure. Ma l’escalation non è destinata ad arrestarsi e vede nell’Italia uno dei target principali di questa intrusione in grande stile.

Per questa ragione il governo Gentiloni ha deciso di cercare un’intesa con la Cina, anche in virtù delle strette relazioni industriali tra i due Paesi: nel senso che noi ci stiamo impoverendo importando la loro spazzatura. Non solo economicamente. E stiamo assistendo ad una desertificazione industriale del territorio.

Martedì al ministero delle Infrastrutture è stato varato e avviato il primo tavolo tecnico che riunisce dirigenti ed esperti dei dicasteri delle stesse Infrastrutture, Economia e Finanze, Coesione Territoriale e Mezzogiorno e Affari esteri e Cooperazione internazionale.

Obiettivo di questo progetto, che vedrà poi coinvolte anche società di consulenza strategica, dei trasporti, forse anche Rfi (gruppo Ferrovie dello Stato), è definire delle regole d’ingaggio per quel che riguarda la gestione e la valorizzazione degli asset logistici come per l’appunto i porti.

Ovviamente, i ministeri coinvolti vedono con grande favore questo interesse della Cina per le infrastrutture italiane, e per questa ragione si cercherà di avere contatti diretti con la controparte orientale, anche per valutare la modalità migliore di possibile collaborazione. Inoltre ci sarebbe anche la volontà da parte del governo di definire regole e normative per tutelare certe attività ritenute strategiche.

VERIFICA LA NOTIZIA

E che il tema sia di particolare attualità lo dimostra il fatto che proprio all’inizio di questa settimana il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, si trovava in Cina nell’ambito della missione che prevedeva, tra le altre cose, la partecipazione all’Ottava sessione dei lavori del Comitato governativo congiunto Italia-Cina. Oltre a quest incontri di natura diplomatica, Alfano ha avuto un confronto con gli esponenti del fondo sovrano Cic, con i quali ha parlato anche del business delle infrastrutture.

E’ tempo di toglierci dalle palle questa manica di parassiti che ci vendono al peggiore offerente. In cambio di inconfessabili ‘relazioni’. Poi, quando di mezzo c’è Angelina…




Lascia un commento