Disordini in centro profughi, agenti circondati e picchiati

Condividi!

Profughi – in realtà clandestini – scatenati al famigerato Cara (Centro Accoglienza per Richiedenti Asilo) di Bari-Palese. Lo stesso che ospitò Kabobo e una serie di altri delinquenti e stupratori.

Durante uno dei quotidiani servizi di vigilanza svolti all’interno del centro, gli uomini delle fiamme gialle sono stati assaliti dai ‘profughi’.

Durante il fermo di uno di loro, un cittadino del Gambia, che stava creando disordini, gli altri ospiti del centro hanno circondato i finanzieri e i carabinieri giunti in rinforzo, inveendo e impedendo il trasferimento dell’immigrato.

È stato proprio in questo frangente che l’africano, nel tentativo di sottrarsi agli accertamenti, ha sferrato calci e pugni in direzione dei militari colpendo un ispettore del “gruppo pronto impiego”, costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso all’Ospedale San Paolo, da cui è stato dimesso con una prognosi di dieci giorni. Il migrante è stato arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.

Abbiamo importato delinquenti.




Lascia un commento