Repubblica Centroafricana: Africani continuano a massacrarsi tra loro

Condividi!

Nella Repubblica Centrafricana le varie etnie africane continuano a massacrarsi:

 

La situazione della Repubblica Centrafricana è tragica e complicata. E’ abitata da etnie che si odiano e sono divise anche sul piano religioso (etnie diverse in conflitto nello stesso territorio tendono sempre ad abbracciare religioni opposte): da una parte gli islamici, dall’altra gli animisti che seguono uno pseudo-cristianesimo africano.

Come tutti gli Stati multietnici e multireligiosi è un coacervo di conflitti e stermini quotidiani. Letteralmente si mangiano tra loro. In questo caso la brutalità non è solo islamica, anche gli pseudocristiani locali fanno a pezzi i bambini dei nemici. Sono africani, prima di essere musulmani e ‘cristiani’.

E avrete notato che, nonostante una guerra di sterminio brutale, non esistano ‘profughi centrafricani’: ZERO. Questo perché chi sbarca paga, mentre chi fugge dalla guerra vuole tornare a casa.

L’Africa ospita alcune delle più brutali faide etniche del pianeta. Con veri e propri stermini etnici fatti a colpi di machete (uccidere milioni di persone solo con coltellacci rende l’idea della brutalità locale). Ergo, importare gli africani con il loro razzismo (e i loro machete) non è una buona idea.