Sgozzato a Torino: “Ha pulito il coltello e si è acceso una sigaretta”



TORINO E’ LA NUOVA CAPITALE DELLO STATO ISLAMICO

“Dopo l’omicidio – hanno raccontato i testimoni – il Nigeriano si è seduto su una sedia, ha pulito il coltello con il fazzoletto e si è acceso una sigaretta“. Perché per loro sgozzare è normale. Lo fanno con gli agnellini, li guardano mentre muoiono dissanguati tra atroci sofferenze goccia dopo goccia. Passare ad un animale umano non è un grande passo.

TORINO, NIGERIANO SGOZZA ITALIANO: MORTO DISSANGUATO

Agli agenti della polizia municipale che lo hanno fermato non ha detto nulla. Subito dopo è stato accompagnato al Comando della polizia municipale, mentre il mercatino è stato subito sospeso. Quando non doveva mai essere aperto.

“Non conosco questo ragazzo – spiega Francesco Planeta, presidente dell’associazione Vivi Balon – è un venditore irregolare e non si era registrato come tutti gli altri. Il suo gesto è folle e immotivato, non mi risulta abbiano litigato per problemi di spazio”. Al mercato sono immediatamente accorso i residenti della zona per protestare contro il degrado. Ma Appendino, negli stessi momenti, stava presentando un ‘fasciatoio’: è il tipico sindaco di sinistra radical chic che per non affrontare i veri problemi di una città, ereditati da un altro sindaco radical chic, si occupa di stupidaggini o al massimo cose superflue.

VERIFICA LA NOTIZIA

Grillo: con Appendino hai proprio toppato. Sharia, privilegi per i musulmani e case popolari ai delinquenti che occupano abusivamente le palazzine olimpiche ex-Moi. Intanto loro ci sgozzano per le strade.

Poi si siedono, puliscono il coltello, e si accendono una sigaretta. Benvenuti nella società multietnica.

E questi delinquenti politici al governo, mai eletti da nessuno, lì dove sono per un premio di maggioranza incostituzionale scattato per evidenti brogli elettorali, continuano a parlare di Ius Soli: e’ tempo della ghigliottina in piazza.



Lascia un commento