Financial Times ridicolizza Boeri: “Gli immigrati non fanno crescere un Paese”



Anche Martin Wolf, economista britannico da 27 anni e direttore editoriale del Financial Times, ridicolizza Boeri, che solo l’altro giorno se ne è uscito con l’ormai smentita bufala dei “migranti che ci pagheranno la pensione”. Forse la sua, visto chi lo ha nominato.

VERIFICA LA NOTIZIA
“Lasciamo stare gli approcci ideologici – spiega Wolf intervistato da il Giorno -. Il contributo economico dei migranti è molto limitato. L’immigrazione – dice l’economista – non è una panacea economica per nessun Paese”. Il caso italiano è per certi aspetti emblematico: “Oggi tra contributi previdenziali e tasse pagate, gli immigrati contribuiscono per 17 miliardi di euro l’anno e ne costano quasi 16. L’attivo quindi è molto lieve”.

In realtà qui Wolf dimostra di non conoscere a fondo i dati italiani:

Immigrati ci costano 18 miliardi l’anno: e saremo noi a pagare le loro pensioni

Ma non è colpa sua, se i giornali italiani non danno queste notizie.

Conclude: “Credo che sia una politica ragionevole quella di tutelare gli interessi dei propri cittadini e dei loro discendenti. Non è razzismo. Non dico che sia la politica giusta, o quella che suggerisco in ogni caso, ma che politicamente è legittima, specialmente se l’afflusso atteso è numericamente importante”.



Lascia un commento