SCANDALO ONG SI ALLARGA: “IMPLICATA ANCHE GUARDIA COSTIERA” – VIDEO

Condividi!

Lo scontro istituzionale tra il procuratore di Catania, Zuccaro, e il governo subito schieratosi a difesa dei trafficanti umanitari delle ONG, ci ha fatto ricordare il ‘dossier Gefira’. L’organizzazione di analisi geopolitiche monitorò  gli spostamenti delle famigerate ‘ONG’ impegnate nel traghettamento di clandestini dalla Libia all’Italia rilasciando un video – diffuso in Italia da Vox per primo – con accuse pesanti e dettagliate.

Ne parliamo perché siamo ragionevolmente certi che l’indagine della procura di Catania nasca proprio dalle denunce di Gefira e che il procuratore Zuccaro abbia preso spunto per l’inchiesta proprio dal lavoro esposto nei video. Ma ne parliamo, soprattutto, perché il video contiene accuse che vanno oltre le ONG, descrivendo una organizzazione a delinquere nella quale sarebbero attori scafisti libici, Ong e, rullo di tamburi, la Guardia Costiera italiana:

Non è una novità per chi legge Vox, i contatti tra GC e trafficanti sono noti, ma vengono sempre definiti, o mascherati, da ‘chiamate di emergenza’. Ora, il video-dossier, che registra contatti e spostamenti in modo quasi maniacale, svelerebbe qualcosa di più grave. Di molto più grave: non si tratterebbe di telefonate mascherate da chiamate di emergenza, perché queste non possono arrivare 10 ore prima dell’evento, ma di veri e propri contatti tra la nostra Guardia Costiera e i trafficanti libici.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il che spiegherebbe perché i nostri servizi non abbiano mai indagato, a differenza di quelli tedeschi e olandesi: sarebbe direttamente implicato il Governo. Che a questo punto avrebbe un piano, evidente, di africanizzazione del paese.

Nel quadro dipinto da Gefira, le Ong non agiscono fuori dagli accordi, ma sarebbero parte di una più ampia organizzazione con al vertice le autorità italiane. Che quindi, avrebbero tutti i motivi di coprirle.

A questo punto la Guardia Costiera, il cui comandante si è gloriato, solo pochi giorni fa, di avere traghettato in Italia quasi mezzo milione di clandestini, deve rispondere. Il Governo deve rispondere. Il Parlamento, se ha ancora un briciolo di dignità, istituisca una commissione di inchiesta e indaghi, fino in fondo. Anzi: fino in cima.

NGOs are smuggling immigrants into Europe on an industrial scale




Lascia un commento