Civitavecchia, arriva centro di lusso per profughi: “Se avanza qualcosa sistemiamo anche fogne residenti”

Condividi!

Milano 28 Febbraio – Cari cittadini, ascoltate: se accogliete in blocco 300 immigrati vi costruiamo le fogne. E forse anche i lampioni. Ci state? Sì, d’accordo: avrete accanto casa un mostro come quello di Mineo, un centro incontrollabile epperò dotato di ogni comfort, fucina di ogni irregolarità epperò completamente ristrutturato a suon di soldi pubblici. Ma in compenso voi, cari cittadini, potrete concedervi il lusso di ritornare a casa senza accendere la torcia elettrica (forse). E, soprattutto, avrete finalmente il diritto di tirare la catena del wc scaricando direttamente nelle fogne cittadine. Non vi sembra una proposta imperdibile?

In città, PD e sindaco del M5S progettano di (un altro sindaco che non si distingue dal PD) trasformare una caserma, la De Carolis, in un Cara (centro accoglienza richiedenti asilo, come il famigerato Mineo) destinato ad ospitare centinaia di giovani fancazzisti africani.

Il progetto ha già avuto il via libera della Regione Lazio di Zingaretti, PD, del comitato tecnico del ministero e del sindaco.
Gli immigrati avranno a disposizione campi da calcio, ludoteche, biblioteche, aree verdi, aule didattiche, ambulatori specialistici, luoghi di culto, empori e barberie riservate: 5.358 metri quadrati di superficie, 17.495 metri cubi di edifici, che saranno ristrutturati a spese dei contribuenti con (almeno) 5 milioni di euro.

Ora tutto dipende dal Comune: entro 15 giorni dovrà dare il via libera alla variazione del piano regolatore. I cittadini sono, ovviamente, contrari.

Il quartiere dove dovrebbe sorgere il centro di lusso per immigrati ha circa 2mila abitanti: senza l’allacciamento alla fogna e illuminazione pubblica degna di questo nome.

Per convincerli, la disgustosa idea del sindaco grillino ha promesso che con i soldi in arrivo dallo Stato per ristrutturare la caserma, chiederà di sistemare anche le fogne e l’illuminazione pubblica del quartiere.

Quindi: per i cittadini italiani non ci sono soldi e vivono senza fogne, con tutto quello che consegue. Ma se arrivano i profughi, ci sono i soldi per realizzare ludoteche e campi di calcio (qualche parente del governo ha interesse) e con le briciole si possono, forse, sistemare le fogne agli italiani. Che pagano.

Stato di merda.




Lascia un commento