Mare Nostrum: centinaia in arrivo a Brescia

Condividi!

Montichiari, cittadina in provincia di Brescia. E’ lì, come in altre città italiane che il governo è pronto ad inviare centinaia di ladri, stupratori e infetti. Per sistemarli, a spese del Comune, in una casemra.

«Una vergogna», per il vice capogruppo della Lega in Regione Lombardia Fabio Rolfi.

Ma protesta anche Mario Fraccaro, che nella foto vediamo con il suo sponsor, sindaco eletto da PD e NCD, il partito dello scafista Al Fano: «Se si dice duecento – ha protestato Fraccaro davanti alle telecamere Rai – saranno molti di più, ci saranno problemi di sicurezza».

L’arrivo dei clandestini «pregiudicherebbe un possibile sviluppo della zona dove convergono il polo fieristico, l’alta velocità, un possibile prolungamento della metropolitana».

A Montichiari su 25mila abitanti, ci sono già 5mila extracomunitari regolari, un’invasione.

«La polizia locale non sarebbe in grado di gestire eventuali criticità della struttura e, tanto meno, problematiche sanitarie».

Il fatto è che i dementi che stanno al governo, dopo avere raccattato mezza Africa e avercela portata qui, non sanno dove mettere gli ospiti della loro follia masochista.

Dopo avere riempito le tasche di Coop e Caritas, passeranno alla requisizione delle case sfitte.




2 pensieri su “Mare Nostrum: centinaia in arrivo a Brescia”

  1. Il Bresciano é già di per sé una delle zone d’Italia più infestate dalla presenza di numerosi negri subsahariani, che vi risiedono da molti anni – in particolare senegalesi e ghanesi (Barwuah docet nella Val Trompia) – fatti entrare dalla sinistra al governo come clandestini, poi regolarizzati da Lega e Berlusconi nel 2002, e fatti entrare altri sempre da costoro.

    Insomma la storia si ripete, e per quelle zone e per le locali popolazioni non c’é proprio pace, devono per l’ennesima volta subire un’invasione che non fa altro che “africanizzare” ulteriormente quel pezzo d’Italia: bresciani ribellatevi!

Lascia un commento