Gli amici si somigliano anche geneticamente

Condividi!

STUDIO PUBBLICATO SU Proceedings of National Academy of Sciences .

Diceva Platone che il ‘simile cerca il simile’, più prosaicamente si suol dire che il sangue non è acqua. E un nuovo studio suggerisce che questo è vero non solo nelle relazioni romantiche, ma anche nell’amicizia.

Gli amici sono geneticamente vicini tra loro come membri di una famiglia allargata.

Alcuni ricercatori, confrontando il DNA di amici non legati da parentela, sono stati incuriositi dal trovare che avevano la stessa somiglianza genetica di cugini di quarto grado, persone che condividono gli stessi quadrisavoli.

“Riusciamo in qualche modo, tra una miriade di possibilità, a selezionare, come amici le persone che assomigliano a nostri parenti”, ha detto Nicholas Christakis, professore di sociologia, biologia evolutiva e medicina a Yale.

I ricercatori hanno esaminato 1,5 milioni di marcatori di variazione del gene e hanno scoperto che gli amici sono più simili nei geni che influenzano l’olfatto e meno compatibili nei geni che controllano il sistema immunitario.

Recenti studi hanno scoperto che le persone sembrano scegliere i partner sulla base delle differenze di immunità.

È stato suggerito che la formazione di gruppi sociali con altri che sono in grado di sopportare diversi patogeni riduce la diffusione della malattia e aumenta le probabilità di sopravvivenza.

“Guardando attraverso l’intero genoma troviamo che, in media, siamo geneticamente simili ai nostri amici”, ha detto il co-autore James Fowler, professore di genetica medica presso l’Università della California.

“Abbiamo più DNA in comune con le persone che prendiamo come amici, rispetto ad estranei nella stessa popolazione.”

Gli studiosi ritengono che la scelta di amici che sono geneticamente simili può trasmettere ‘vantaggi evolutivi.’

“Il primo mutante a parlare qualcun altro bisogno di parlare”, ha aggiunto il prof Fowler, “La capacità è inutile se non c’è nessuno che lo condivide.”

Tuttavia il meccanismo attraverso il quale la selezione di amici o amore basato su tratti genetici avviene, rimane difficile da comprendere in profondità.

Precedenti ricerche hanno suggerito che i feromoni del sudore portano indizi importanti sulla compatibilità genetica e sono importanti per l’attrazione.

Per questo, si teme che i farmaci moderni, come la pillola, smorzino questo processo di selezione naturale e finiscano per ‘far sbagliare’ partner, inducendo la donna ad accoppiarsi con partners geneticamente dis-simili. Non è un caso che la maggiore presenza di coppie miste sia in paesi dove l’uso della pillola è più frequente, così come successivi divorzi, una volta interrotto l’uso della pillola.

Essi hanno anche scoperto che i geni  più simili tra gli amici, sembrano essere anche quelli che  nell’evoluzione  mutano in modo più veloce di altri geni.

Fowler e Christakis dicono che questo potrebbe contribuire a spiegare perché l’evoluzione umana sembra aver accelerato negli ultimi 30 mila anni, e suggeriscono che l’ambiente sociale è di per sé una forza evolutiva.

“Sembra che la nostra forma fisica dipenda non solo dalle nostre costituzioni genetiche, ma anche dalle costituzioni genetiche dei nostri amici”, ha aggiunto il prof Christakis.

Siamo ‘animali sociali’, la coppia mista che vediamo per strada, non è solo un problema di lui o lei, anche un ‘nostro’ problema.

Il team ha anche sviluppato una sorta ‘tasso dell’amicizia’, ovvero il tasso di probabilità  di come due persone  potranno divenire  amici in base al loro DNA.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences .

La natura è razzista.




Lascia un commento