AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Interrogazione parlamentare: “Quanti sono gli infetti?”

Vox
Condividi!

Proseguono in queste ore i rinvenimenti di corpi di cittadini nordafricani in mare.

Alcuni deputati del Movimento Cinquestelle (SCAGLIUSI, MANLIO DI STEFANO, SPADONI, GRANDE, SIBILIA, DI BATTISTA e DEL GROSSO) hanno presentato al ministro dell’Interno, Angelino Alfano e al ministro della Salute Beatrice Lorenzin un’interrogazione per sapere se risponde al vero la notizia di qualche giorno fa che contava ben dieci poliziotti risultati positivi alla tubercolosi. E che  uno di questi avrebbe contratto già l’infezione (si tratta di un agente in servizio all’U.P.G.S.P. di Terni).

Vox

Da quanto scrivono i deputati “risulta che indossassero semplici mascherine, diverse da quelle in uso per i militari coinvolti nella citata operazione, senza filtri di carbonio, inadatte a fare da scudo a eventuali portatori del virus della tubercolosi; sulla questione, il 25 giugno 2014 si è tenuto presso il ministero dell’Interno un incontro con i sindacati di categoria per affrontare l’avvio di un nuovo protocollo di sicurezza nella gestione dell’emergenza. Inoltre la direzione centrale di sanità pare abbia diramato un nuovo protocollo operativo con il quale sarebbero stati innalzati i livelli di informazione preventiva, di profilassi e di rilevamento. Altrettanto – scrivono i deputati del M5S –  il segretario generale di uno dei sindacati di polizia, il Consap, ha affermato che è soprattutto tra il pedonale incaricato del trasporto dei profughi e del controllo presso i Centri di identificazione ed espulsione che si registrano casi di positività e che appare insufficiente il controllo medico a bordo della navi”. In questo contesto la richiesta è esplicita ossia: “se siano a conoscenza di quanto denunciato e paventato dai sindacati di polizia in ordine alla insufficiente garanzia di sicurezza e tutela della salute di quanti sono impegnati nell’operazione Mare Nostrum quali urgenti disposizioni intendano adottare, nell’ambito delle rispettive competenze, in ordine a quanto esposto in premessa e riportato nell’articolo sopra citato, per garantire la piena tutela della salute del personale, anche in relazione alle stesse precauzioni sanitarie già prese per i marinai, per evitare la trasmissione o il contagio di eventuali malattie infettive”.

Alfano e Lorenzin saranno chiamati a rispondere successivamente. Con calma.