A SIENA VINCE IL SOLITO BLOCCO DI POTERE FINANZIARIO MASSONICO…..

Siena si conferma roccaforte del Pd, o meglio dei ” poter forti ” ad esso collegati in regione , vedi l’ importante gruppo bancario senese, oggi scosso da una durissima crisi. Ma il sistema di potere che da oltre mezzo secolo tiene in pugno Siena, ha retto confermando il candidato della Sinistra Valentini che ha battuto seppure di poco lo sfindande del centrodestra Neri. A Siena, si conferma l’ equazione che vede il Partitone controllare la societa’ in ogni suo settore, dall’ economia, alla sanita’ ( usata in Toscana per creare una potentissima rete di interessi economici clientelari….) , dalla cultura ed istruzione in completo dominio della sinistra e che ha portato al dissesto finanziario dell’ Ateneo senese. Siena ha deciso di ” non cambiare ” anche se ripetiamo il centrodestra in regione e’ politicamente morto, ridotto ad un ristretto club di ” amici degli amici ” che senza piu’ legami col territorio e gli elettori, decidono tutto tra loro, riducendo il Pdl ad un club ristretto, slegato dal corpo elettorale. Ma anche a livello nazionale il Pdl paga la sua scelta di appoggiare questo governo di larghe intese, che e’ politicamente un ” ologramma ” o peggio uno strumento al servizio del potere finanziario della Germania che costringe il nostro Paese a politiche d’ austerita’ suicide e fallimentari. Finche’ i giornali berlusconiani continueranno a strillare contro l’ euro, mentre in realta’ il grande capo per vicende personali ed economiche non vuole rompere con l’ Unione Europea e con l’ Euro, gli elettori moderati diserteranno le urne, perche’ traditi dai loro partiti di riferimento, ormai incapaci di difendere i ceti medi, partiti di centrodestra pienamente succubi della Germania della Merkel, della Bunsbank, della Ue. Ma anche il Pd non deve esultare per questi risultati in Toscana e nel resto del Paese, I sindaci della sinistra con questo grave dissesto economico non potranno governare, la situazione sociale e’ drammatica, suicidi dappertutto, rabbia pronta ad esplodere, mentre la politica ed i politici a Montecitorio parlano d’ altro, tra stucchevoli dibattiti a Porta a Porta, tra demagoghi grillini , renziani, sinistre estreme velleitarie alla Vendola. La maggioranza dei cittadini non va piu’ a votare e questo significa che questo sistema politico e’ delegittimato, pronto a crollare con gravi sommovimenti sociali, che prevediamo scoppieranno specie se il governo costretto dalla Germania , sara’ costretto a varare nuove tasse ed effettuare prelievi forzosi sui conti correnti, si parla infatti di un prelievo dello 0,8%….. Ma anche per il Pd si stanno addensando nubi minacciose, a livello nazionale la perdita di votanti nonostante queste vittorie alle amministrative e’ la classica vittoria di Pirro, e presto scoppieranno le faide interne tra Renziani ed oppositori per il controllo del partito che potrebbero portare alla scissione o alle ” scissioni ” nella galassia della sinistra italiana. A quel punto il sistema politico italiano sara’ praticamente collassato e tutte le Istituzioni saranno a rischio cancellazione.
OSSERVATORE TOSCANO


Fonte: Il Monitore Toscano



Lascia un commento