AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Immigrati afghani: “Siamo qui per stuprare le vostre donne”

Vox
Condividi!

Ce ne hanno portate migliaia con il famigerato ponte aereo, usando la scusa dei Talebani. E sono tra le prima nazionalità degli sbarcati. E non si fermano:

Meloni non ferma i Corridoi di Sant’Egidio: fa arrivare 158 islamici dal Pakistan con l’aereo

E’ un problema, perché sono anche in testa alle classifiche degli stupri.

Cheryl Benard è una ricercatrice che noi potremmo definire ‘accogliona’, e ha lavorato a contatto con i rifugiati per la maggior parte della sua vita professionale, dal Pakistan allo Yemen, al Sudan, al Libano, il Nicaragua, la Bosnia e l’Iraq.

Ha scritto un lungo articolo per il National Interest, la rivista della scuola politica realista in America, un articolo “che non è stato divertente per me da scrivere, perché ho una profonda simpatia per la condizione critica dei rifugiati”.

Il sunto: gli afghani sono i profughi che stuprano di più.

VERIFICA LA NOTIZIA

Benard descrive le aggressioni sessuali, gli stupri e i tentativi di stupro da parte dei rifugiati afghani in Austria, che raggiungono una percentuale incredibile. Secondo i dati della polizia austriaca, gli afghani sono responsabili per il cinquanta per cento dei casi. Benard dice che però questa violenza da parte degli afghani è una costante anche in altri paesi eruopei. Un punto che è molto chiaro è che in molti casi queste aggressioni sono un gesto autolesionista da parte degli aggressori: attaccano le donne in pieno giorno, saltano addosso a mamme con il passeggino in mezzo a un parco affollato da altre persone, provano a stuprare una ragazza a bordo di un treno con molti altri passeggeri, si denudano in piscina davanti a decine di testimoni. Ci sono anche casi di violenze nascoste e di rapimenti, ma c’è questo elemento pubblico che rende questi attacchi inspiegabili.

Vox

Non è un caso se proprio l’Austria si è opposta ad ogni ingresso di profughi afghani: ne hanno ‘esperienza’.

Poche settimane fa, la città austriaca di Tulln ha dichiarato un punto fermo a qualsiasi ulteriore ammissione di rifugiati. Come ha chiarito il sindaco, quella decisione era rivolta agli afgani, ma per motivi legali e amministrativi non poteva che essere promulgata in modo generale. Il punto di svolta, dopo una serie di incidenti inquietanti tutti provenienti da afgani, è stato il brutale stupro di gruppo di una ragazza di quindici anni, strappata dalla pubblica via mentre tornava a casa, trascinata via e abusata in serie da rifugiati afgani.

“Tempo prima, a Vienna, una giovane studentessa turca che era lì in scambio culturale era stata inseguita in un bagno pubblico da tre rifugiati afgani. Hanno bloccato la porta e hanno proceduto ad attaccarla selvaggiamente. Afferrandola per il collo, le hanno sbattuto ripetutamente la testa contro un water di porcellana per metterla KO. Quando ciò non è riuscito a spezzare la sua disperata resistenza, si sono alternati nel tenerla ferma e violentarla. La giovane ha avuto bisogno di un ricovero in ospedale, dopodiché – troppo traumatizzata per riprendere gli studi – è fuggita a casa in Turchia, dove continua a essere depressa e infelice, incapace di elaborare quanto accaduto e incapace, in una società musulmana conservatrice, di parlare di la sua esperienza a chiunque.
“Da Österreich, il quotidiano distribuito gratuitamente sui mezzi pubblici e quindi letto, in fondo, da quasi tutti. Prima pagina: Afghano (diciotto anni) attacca una giovane donna al Festival del Danubio. “Ancora una volta c’è stato un tentativo di stupro da parte di un afghano. Una turista slovacca di ventun anni è stato assalita e palpeggiata da un gruppo di uomini. È riuscita a scappare, ma è stata inseguita da uno di loro, un richiedente asilo afghano che l’ha catturata e trascinata tra i cespugli. Poliziotti in borghese nelle vicinanze hanno notato la colluttazione e sono intervenuti per impedire lo stupro all’ultimo momento”. Pagina dieci: “Un afgano di venticinque anni ha tentato di violentare una giovane donna che stava prendendo il sole nel parco. Quattro coraggiosi passanti hanno trascinato via l’uomo dalla vittima e l’hanno trattenuto fino all’arrivo della polizia”. Pagina dodici: “Due afgani sono stati condannati per aver tentato di violentare una donna su un treno a Graz. Gli uomini, che vivono in una residenza per richiedenti asilo, hanno prima insultato la giovane donna con commenti verbali oscene prima di aggredirla. Quando ha gridato per chiedere aiuto, i passeggeri di altre parti del treno si sono precipitati in suo aiuto”.

“….Attacchi feroci e senza preamboli a ragazze e donne casuali, spesso commessi da bande o branchi di giovani uomini. All’inizio, gli incidenti furono minimizzati o messi a tacere: nessuno voleva fornire all’ala destra un pretesto, e la speranza era che si trattasse di casi isolati causati da un piccolo gruppo problematico. Con l’aumentare degli incidenti, e poiché molti di essi si sono svolti in pubblico o perché il pubblico è stato coinvolto nel fermare l’attacco o nell’aiutare la vittima in seguito, e perché i tribunali hanno iniziato a emettere sentenze mentre i casi venivano portati in giudizio, la questione non poteva più essere nascosta sotto il tappeto del politicamente corretto. E con il riconoscimento ufficiale e il resoconto pubblico, è emersa una nota strana e sconcertante. La maggior parte degli assalti sono stati commessi da rifugiati di una particolare nazionalità: gli afgani.”

Sono alcuni degli episodi riportati da Cheryl Benard nel lungo articolo “Ho lavorato con i rifugiati per decenni. L’ondata di crimini afghani in Europa è sbalorditiva”, apparso su The National Interest.

Una prima teoria difensiva, spinta con forza dalla generazione più vecchia della diaspora afghana, è: “Sono ubriachi”. Ma non regge, perché non spiega perché gli afghani sono più ‘vulnerabili’ a questi raptus degli altri rifugiati che vengono da paesi in condizioni simili. Un’altra teoria dice che si tratta di una conseguenza dello choc culturale: i giovani afghani arrivano da una società dove i sessi sono segregati, si trovano davanti ragazze in minigonna e perdono la ragione. Ma anche questa non regge, perché c’è una ricca aneddotica di aggressioni contro bersagli che non erano per nulla provocanti, per esempio una pensionata di settantadue anni, mamme a passeggio con i figli, uno studente rapito e violentato in Svezia. “I bersagli preferiti non sono gli stereotipi che ci immaginiamo, giovane donne vestite in modo provocante che un musulmano confuso da un entroterra ultraconservatore può interpretare come promiscua. No: spesso le vittime sono madri con bambini”.

Questo ci porta a una terza teoria, più urgente e molto disturbante – che mi è stata detta da un amico afghano che lavora come traduttore nei processi giudiziari. Sulla base delle centinaia di interazione con questi giovani uomini che ha avuto nel corso degli anni a causa della sua professione, è convinto di avere trovato che quelli sono motivati da un profondo e costante disprezzo per la civiltà occidentale. Per loro, gli europei sono il nemico, e le loro donne sono legittime spoglie di guerra, come molte altre cose che è possibile prendere da loro: case, denaro, passaporti. Le loro leggi non importano, la loro cultura è non interessante e, alla fine, la loro civiltà cadrà in ogni caso davanti all’orda di cui loro sono l’avanguardia. Non c’è bisogno di farsi assimilare, o di lavorare duro o tentare di costruirsi una vita decente – questi europei sono troppo morbidi per punirti sul serio per una trasgressione, e i loro giorni sono contati”. Ma questo, dice Benard, non spiega ancora perché sono predatori sessuali così stupidi e inetti. “A rivedere i casi: viene in mente una parola: realizzazione”. Studentesse, felici di alzare il loro livello di istruzione. Ragazze nei parchi, che si godono il sole. Una madre porta a passeggio due figli. Gente attraente, appagata, felice, normale… una vista insopportabile”. I giovani afghani ci stanno dicendo che loro non tollereranno la vista di donne che sono sicure di loro, felici e che si sentono protette quando sono in uno spazio pubblico.

E noi ne abbiamo appena portati in Italia più di quattromila. Grazie Draghi. Grazie Salvini di averlo permesso. Verremo a cercare voi ai primi stupri.