Lamorgese incastrata dalla sua Digos: “assedio alla Cgil fu permesso da alte sfere”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Un’annotazione riservata, scritta dalla Digos, rivela che le autorità hanno permesso il corteo verso la Cgil dopo una trattativa con i manifestanti. Come del resto già rivelato da Taormina:

Taormina incastra Lamorgese: “Autorizzazione Digos a Forza Nuova per andare alla CGIL” – VIDEO

Il rapporto della Digos svela quindi il complotto: il Viminale voleva creare disordini, i disordini gli sono sfuggiti di mano.

Quanto accaduto sabato è stato volutamente permesso da Lamorgese.

L’avvocato degli arrestati lo aveva già dichiarato: “C’era un accordo con la Digos”, se “avessero detto ‘non ci rompete le scatole’, alla Cgil non sarebbe andato nessuno”.

Una versione confermata dall’annotazione redatta della I sezione della Digos della Questura di Roma (II Settore Destra Antagonista).

Verso le 17.30, attesa l’insistente richiesta dei numerosissimi manifestanti attestati in piazza del Popolo – si legge nell’annotazione – viene loro permesso di effettuare un percorso dinamico verso la sede della Cgil”. Secondo gli arrestati, il responsabile della Digos avrebbe promesso di parlare con i suoi superiori. E dopo mezz’ora sarebbe arrivato il semaforo verde dalle alte sfere. Lamorgese.




9 pensieri su “Lamorgese incastrata dalla sua Digos: “assedio alla Cgil fu permesso da alte sfere””

  1. il Viminale voleva creare disordini….Stesso schema collaudato nel 2001 a Genova durante il G8…..E chi non mi dice che a Bologna la bomba alla stazione non l”abbia collocata qualche straccione amico loro-magari palestinese-Per poi dare la colpa ai soliti fascisti?Strano che nell’immediato il PCI abbia gridato “Bomba fascista”…No?Strano che anche in questo caso il PCI/PDS/DS/Pd/(?)chieda lo scioglimento di FN/FdI….No.E che,il Pd vuole vincere facile?

Lascia un commento