Olimpiadi, flop Osakue: ultimo posto, lanciavano meglio quelli delle uova

Condividi!

Prosegue l’estate bianca 🤭 per i fanatici dell’immigrazione e dello ‘ius sportivo’.

VERIFICA LA NOTIZIA
Flop e ultimo posto della figlia del boss nigeriano Daisy Osakue, una delle immigrate arruolate dall’affarista Malagò per vincere zero medaglie alle olimpiadi di Tokyo2020.

Insomma, il medagliere degli immigrati ‘italiani’ rimane a zero quando mancano pochi giorni al termine del baraccone. La strategia di Malagò è fallimentare.

DISCO: DUE NULLI PER LA OSAKUE CHIUDE 12ª— Dopo 3 lanci la statunitense Valarie Allman è in testa nel disco con 68.98, poi la cubana Yaime Perez con 65.72 e la tedesca Kristine Pudenz (65.34). Per la Osakue dopo il 59.97 sono arrivati due nulli: la sua finale si chiude con un dodicesimo posto.

Due anni fa la nigeriana divenne la paladina degli immigrazionisti per avere subito un lancio di uova sode da parte di quello poi scoperto essere figlio di un esponente Pd di Torino.




2 pensieri su “Olimpiadi, flop Osakue: ultimo posto, lanciavano meglio quelli delle uova”

Lascia un commento