Voghera, Letta svela il piano del PD: “Dobbiamo disarmare gli italiani”

Condividi!

Dopo il caso dello spacciatore marocchino eliminato durante un’aggressione a Voghera, Enrico Letta, segretario del Partito democratico, getta la maschera su quali siano i piani del suo partito che odia gli italiani: disarmarli davanti all’invasione.

VERIFICA LA NOTIZIA

Perché non basta scaricare orde di criminali ogni giorno. Gli autoctoni vanno resi impotenti difronte all’invasione.

Secondo lui bisognerebbe porre lo stop alle armi private: “In giro con le armi solo poliziotti e carabinieri. È un giorno triste. Saranno gli inquirenti e autorità giudiziarie a decidere. Nessuno si sostituisca a loro”.

Anche dal Movimento 5 Stelle arriva una delirante presa di posizione tipica di quel partito di analfabeti poltronari. “È un fatto drammatico e grave che andrà chiarito dalle autorità inquirenti. Invitiamo la Lega a stare al suo posto. La ricostruzione dell’accaduto non è questione di competenza del Carroccio”, sostengono fonti grilline. Le opposizioni al Consiglio comunale di Voghera stanno valutando se presentare una mozione di sfiducia rivolta sia al sindaco Paola Garlaschelli sia all’assessore Adriatici.

Più Adriatici e meno Di Maio. Più pistole e meno reddito di cittadinanza agli scrocconi. Loro vi vogliono obesi sul divano, non armati davanti a loro.




10 pensieri su “Voghera, Letta svela il piano del PD: “Dobbiamo disarmare gli italiani””

    1. Si; anche senza scadere in cambronnismi, ve ne sono parecchi, tutti riferibili alla menzogna quale strumento politico. “Verità è ciò che è utile al partito”, disse il buon Lenin.

  1. Enrichetta non ha perso tempo a strumentalizzare quanto è accaduto a Voghera. Perché è stato eliminato uno dei tanti criminali allogeni che qui in Italia crea solo inutile sovrappopolazione, e che il PD coccola sempre. Perché come sapete per i sinistroidi gli immigrati sono sempre buoni, teneri e indifesi a prescindere.

    1. Avevo già commentato che le sinistre vogliono disarmare gli italiani, e non da oggi. Sono gli stessi che hanno sempre predicato la lotta armata e hanno ancora armi nascoste fin dai tempi della fine della guerra: ogni tanto in Emilia si rinviene qualche deposito.
      La Nigeria è uno degli Stati con le leggi più restrittive in materia di armi; ma per proteggere i villaggi da Boko Aram o chi per loro, si sono procurati armi di contrabbando. In Inghilterra, dopo la tragedia di Dunblane ad opera di uno squilibrato che per non poteva avere un’arma, furono introdotte restrizioni severissime, talché oggi in Inghilterra non si può detenere (di ‘portare’ non se ne parla) quasi nulla; nondimeno, gli scontri a fuoco tra bande e gli accoltellamenti, rapine e reati violenti sono aumentati a dismisura. È capitato in Australia e in Nuova Zelanda. Conosco già l’obiezione e rispondo: i ‘mass shooting’ negli USA si sono verificati nelle c.d. “gun free zone”. Nessuno sa che quando ci hanno provato in zone non ‘gun free’, l’assalitore non ha potuto fare troppi danni.

  2. Sospetto che in realtà il “piano” sia un po’ più complicato, ma siccome quelli del PD sono dei deficienti non gli sia stato rivelato appiena da chi gli scrive le battute.

    Per curiosità sono andato a leggere qualcosina sulle alluvioni in Germania e così sono incappato in un paio di chicche.
    La prima che vi segnalo è un discorso fatto dalla Merkel a Schuld, una delle cittadine colpite dalla disgrazia. Ha sparato il solito pippone sul cambiamento climatico, ma ad un certo punto: colpo di scena! Il vecchio borgomastro del paese, tale Helmut Lussi, la interrompe brutalmente e le dice: “guarda che pure nel 1790 c’è stata un’alluvione incredibile e di sicuro non era stato il cambiamento climatico”. La faccia della Merkel è impagabile.
    La cosa davvero incredibile è che ho visto un servizio di un TG dove lo pseudogiornalista marchetta diceva che come aiuto il governo aveva immediatamente inviato dei “centri vaccinali mobili” mentre gli “odiosi estremisti di destra” (sic) si erano presentati con la vanga per spalare il fango e sminuire l’intervento dello stato…

    Poi ci sarebbe la “questione cinese”: ci sono un paio di cose mediamente gravi. La prima è una “questione di soldi”: Evergrande è una multinazionale cinese che si occupa di molte cose, la principale è lo sviluppo urbanistico. Un vero colosso, 150 miliardi di dollari di beni immobili ed un fatturato annuo di quasi 80 miliardi. Problemino: 300 miliardi di dollari di debiti ed una obbligazione gigantesca in scadenza nel 2025 che ormai viene scambiata a 49 centesimi per ogni dollaro. Altro problemino: la maggior parte dei debiti sono garantiti da una banca di Hong Kong di cui Evergrande è uno dei maggiori azionisti. Ultimo grave problemino: lunedì scorso il valore delle azioni quotate alla borsa di Hong Kong è sceso sotto il “valore di liquidazione”. Ciliegina sulla torta: da ieri i giudici hanno iniziato a sequestrargli anche i soldi per comprare il pane e le altre banche hanno smesso di concedere mutui a chi vuole acquistare le loro proprietà. Ora, tutto questo non sarebbe un grosso problema peri Cinesi: arriva lo stato, ti chiede quanti Yuan ti servono e ti consegna un treno di soldi, giusto il tempo di stamparli. Ma la holding Evergrande è “incorporata” alle isole Cayman. Così serviranno dei dollari per coprire il buco. Quelli li sta stampando qualcun’altro, ad un ritmo anche piuttosto preoccupante. Mezzo “fantastiliardo” è una bella cifra, farebbe girare le palle anche allo zio Paperone.
    Anche i Cinesi hanno qualche problemino con l’acqua e le notizie sono un po’ frammentarie ma parlano di 3 dighe nella zona di Shenzen gravemente danneggiate e principale causa delle alluvioni di cui si sente parlare in questi giorni.

    Zio Vlad ha fatto presente a modo suo a Naftali Bennet che lui aveva un accordo personale con Bibi e non un accordo con Israele, mandando allo stesso tempo un bel pizzino ad Americani e Giordani.

    Dichiarazione vice ammiraglio Vadim Kulit, inviato per la riconciliazione in Siria – “In a span from 23:39 to 23:51 on July 19, four F-16 fighter jets of the Israeli Air Force entered Syria’s airspace via the US-controlled al-Tanf zone and fired eight guided missiles at facilities southeast of the city of Aleppo. Seven missiles were downed by the Russian-made Pantsyr-S and Buk-M2 systems that were on combat duty. One missile damaged the building of a research center in the settlement of Safira in the Aleppo governorate”.

    Ma noi abbiamo problemi di froci, marocchini e leghisti a mano armata. Non possiamo certo perdere tempo con queste cosette. Ah, no. Abbiamo un altro problema, ma non temete! Per la fine dell’anno vorranno fare la puntura anche ai bimbi dai 5 agli 11 e tutti saremo salvi perchè finalmente sconfiggeremo la tosse.
    Se doveste vendere il cioccolato, sono certo che direste a tutti quanto sia buono. Non che chi non mangia il cioccolato è un pericolo per chi lo mangia. A meno che ciò che vendete non sia esattamente cioccolato.

  3. 30 anni ad un corso di impianti idraulici presso l UniBo, quando era una universita’ non una barzelletta come ora lo sono tutte le universita’, ci disse il prof Guerrini : da piccolo (1910 o giù di li) andavo al Secchia a pescare nelle aree golenali col nonno, a 20 anni ci andavo con la morosa a fare sesso, poi divenni assessore le feci ripulire e ci misi panchine alberi e giochi perché tutte le famiglie la domenica potessero andarci e rilassarsi, dopo 10 anni, si ingrosso’ il fiume e spazzo’ via tutto……. 10, 50 100, 200 anni per noi sono tanti per un fiume e’ nulla, i cambiamenti climatici non esistono e ce lo dice fourier se vox mi pubblica l articolo lo faccio semplice che pure il gatto di caronte, che e’ leghisa possa capirlo, ma non credo caronte

Lascia un commento