Lo spacciatore albanese non può essere espulso perché ha figli in Italia

Condividi!

Ius soli applicato allo spaccio.

Un’altra assurda sentenza contro l’Italia. Altri burocrati non eletti che decidono sulla pelle degli italiani.

È il caso di uno spacciatore albanese che – dopo una permanenza ventennale in Valsugana – ha rischiato di dover abbandonare l’Italia perché la Questura gli aveva revocato il permesso per soggiornanti di lungo periodo.

All’immigrato era stato dato tempo 15 giorni per lasciare il territorio nazionale perché era finito agli arresti – prima in carcere e poi ai domiciliari – per spaccio di droga.

Un reato pesante, chiuso con una sentenza di patteggiamento con pena di 2 anni e 7 mesi di reclusione che aveva indotto la Questura a dare una prognosi di pericolosità sociale dello straniero con conseguente revoca del permesso di soggiorno. Provvedimento poi confermato dal Tar che respinse il ricorso dell’albanese.

Provvedimento però ora annullato dal Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso in appello presentato dell’avvocato dello spacciatore, tal Michele Busetti.

Il massimo organo di giustizia amministrativa ha stabilito che non erano stati ponderati gli interessi in campo: quello alla pubblica sicurezza e quello privato alla tutela della vita familiare, che coinvolge non solo il cittadino straniero ma anche i suoi congiunti, la moglie ed i tre figli nati e cresciuti in Italia.

Ecco, i figli. Siccome lo spacciatore ha figli in Italia, non può essere rimandato in Albania. Come se in Albania non potessero crescere dei figli. Giudice razzista.

«Nel caso di specie – scrive nella bizzarra sentenza la Terza Sezione del Consiglio di Stato – la motivazione sulla ponderazione degli opposti interessi deve ritenersi solo apparente, in quanto nel decreto del Questore non si forniscono elementi concreti dai quali desumere che la valutazione di pericolosità sociale, desunta dal solo titolo del reato per il quale il cittadino albanese è stato condannato, sia stata concretamente eseguita tenendo conto di tutte le circostanze del caso; neppure risulta che tale giudizio sia stato effettivamente e concretamente bilanciato con l’interesse del cittadino straniero alla permanenza nel territorio nazionale, tenendo conto dei parametri indicati dal legislatore (lunga permanenza sul territorio nazionale, svolgimento di regolare attività lavorativa, inserimento sociale, tutela della famiglia).

Inoltre – sottolinea l’avvocato Busetti – l’Ufficio di esecuzione pena scrive che il condannato «ammette la propria responsabilità nelle vicende che lo hanno portato alla condanna in modo molto consapevole e maturo senza false giustificazioni rispetto quanto commesso e alla gravità di tali comportamenti».

Ma senti, è consapevole.

Ma accanto a valutazioni di ordine giudiziario andavano approfonditi anche gli aspetti familiari: l’immigrato dispone di una abitazione; ha moglie e tre figli minori che mantiene con il suo lavoro; guadagna circa 1.700 euro al mese. «Da tali elementi si evince che l’intera famiglia è socialmente inserita nel territorio nazionale».

In proposito il Tar era arrivato a valutazioni opposte sottolineando che «la famiglia non ha costituito alcun deterrente» e «non può costituire scudo o garanzia assoluta di immunità».

I burocrati del Consiglio di Stato hanno deciso altrimenti: chi spaccia e ha figli in Italia può rimanere.

Una certa magistratura è la più grande minaccia al futuro della Patria.

Albanese spacciava droga, la Questura lo espelle ma il Consiglio di Stato lo «salva»




6 pensieri su “Lo spacciatore albanese non può essere espulso perché ha figli in Italia”

    1. potremmo mai privarci di una tale risorsa e della sua progenie che con ogni probabilita’, seguendo le orme paterne, si fara’ beffa dell’italia? Dai siamo seri! siamo nel paese di pulcinella…

Lascia un commento