Abusivo massacra di botte italiano che non lo vuole mantenere: niente carcere

Condividi!

Ha aggredito un uomo prendendolo a calci e pugni, colpendolo al volto nei pressi dell’ospedale San Camillo Forlanini a Roma, arrestato un ventinovenne tunisino, sottoposto ad obbligo di firma.

VERIFICA LA NOTIZIA

Vittima un uomo che, sceso dalla sua automobile, si è rifiutato di pagare il parcheggiatore abusivo con delle monete per la sosta.

Il parcheggiatore abusivo non ha accettato il suo rifiuto e gli si è scagliato contro, prendendolo a calci e a pugni. Terminata la violenza il ventinovenne si è allontanato velocemente, facendo perdere le proprie tracce, mentre la vittima si è rivolta alle forze dell’ordine.

Ad individuarlo è stato un poliziotto libero dal servizio, mentre si trovava sulla Circonvallazione Gianicolense. Allertata una pattuglia, lo hanno fermato, perché gravemente indiziato del reato di tentata estorsione aggravata. Portato in caserma e convalidato l’arresto da parte del giudice, al ventinovenne è stato imposto l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Wow, che pena.




5 pensieri su “Abusivo massacra di botte italiano che non lo vuole mantenere: niente carcere”

    1. un angelo della Meloni,

      Anni fa ero a Chiasso e c’era uno di questi immigrati che chiedeva elemosina,
      in 10 minuti arrivarano i poliziotti e lo portarono via.

      In Italia stanno ovunque a chiedere soldi
      ad i supermercati, alla pompa di benzina, ad i parcheggi
      ma non li vede nessuno.
      La stazione di Milano di notte, fa paura anche ad un leghista che ce l’ha duro, non immagino ad i figli dei fiori.

      Non parliamo delle prostitute negre sulle strade, da 40 anni.
      Una volta ho visto un posto di blocco della polizia
      ed a 50 metri una prostituta ucraina che svolgeva regolarmente il suo lavoro indisturabata.
      Sembrava una vignetta comica.

        1. Non ho mai visto un carabiniere o un poliziotto, che onori il giuramento fatto alla reppublica.
          Quando ragionano fra di loro, sembra di ascoltare conversazioni tra gente paludosa, talvolta mafiosa

          Ho visto polizia urbana, vestire la divisa come se fossero i boss della citta.
          Addirittura si occupavano delle votazioni,
          per la serie
          se sei nostro amico ti lasciamo in pace altrimenti ti rompiamo il culo.

          Ovviamente non sto parlando della totalita,
          Poi ce’ anche il girone degli ignavi, disposti a girare lo sguardo a qualsiasi nefandezza.

          Chi fa la propaganda alle forze dell’ordine, etichettandoli come angeli?
          I comunisti?
          o Salvini e Meloni?

Lascia un commento