Il mostro di Bibbiano voterà anche il MES pur di rimanere alla Farnesina: rivolta nel M5s

Condividi!

Questo è passato da denuncia il Partito Di Bibbiano a farci un governo insieme, per lui ogni cosa viene dopo il suo culetto.

“Abbiamo votato due volte contro il Mes, il voto a favore della risoluzione è un errore. Noi voteremo contro”. Lo ha detto, a quanto apprende l’Adnkronos, il deputato M5S Alvise Maniero – uno dei parlamentari che hanno firmato la lettera anti-Mes indirizzata ai vertici del Movimento – nel corso del suo intervento all’assemblea del gruppi grillini su Zoom.

Durante la congiunta, la deputata Manuela Corda, tra i firmatari della lettera anti-Mes, ha criticato la gestione del confronto usando parole forti: “Questo è fascismo. Una conduzione che non ci permette di esprimerci. Solo due minuti e mezzo. Apprezzavo Luigi (Di Maio, ndr). Ora volete un mandato e vi volete imporre”.

Critico anche il collega Francesco Forciniti, altro firmatario della missiva della discordia: “A Bonafede e Di Maio avete dato mezz’ora senza contraddittorio per fare comizi, senza dato ma esprimendo solo la loro opinione. A noi non ci fate nemmeno parlare. Allora non ve la voto (la risoluzione, ndr)! Ciao”.

“Meno di un anno fa abbiamo fatto tante riunioni per arrivare a una posizione chiara: no alla riforma del Mes. E siamo riusciti a bloccarla, quando tutti ci dicevano che non si poteva fare. Quella riforma è dannosa a prescindere dall’utilizzo di una linea di credito del Mes, quindi vorrei capire cosa è cambiato a livello politico”, le parole del deputato Raphael Raduzzi. “In Veneto di Piave ce n’è uno, altrimenti si chiama Caporetto”, ha scandito uno dei firmatari della lettera anti-Mes.

Critiche al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Il titolare del Mef, ha detto il deputato Davide Zanichelli, “è stato irrispettoso nei confronti del Movimento, ci ha snobbato. Ho chiesto una riunione e nessuno mi ha risposto”. “E’ grave che il ministro Gualtieri abbia agito al di fuori del perimetro delineato dal Parlamento e che Crimi abbia parlato a nome del M5S dichiarando che non ostacoleremo la riforma, senza interpellarci”, l’affondo del senatore Mattia Crucioli.

Per la senatrice Susy Matrisciano, presidente della Commissione Lavoro di Palazzo Madama bisogna rinviare la ratifica della riforma del Mes. La parlamentare, parlando a nome dei componenti M5S della Commissione Lavoro e degli altri firmatari della lettera anti-Mes, chiede di sapere se “votando questa risoluzione ci impegniamo per il futuro nostro e dei nostri figli”.




5 pensieri su “Il mostro di Bibbiano voterà anche il MES pur di rimanere alla Farnesina: rivolta nel M5s”

  1. Il mes pagatelo tu co..n, ti servono i soldi per pagare il reddito di cittadinanza ai delinquenti, spacciatori e clandestini.
    La resa dei conti è vicino, poi vedrai quando il popolo affamato ti becca per la strada. E meglio che prendi il passaporto e non torni più in Italia.

  2. si criminalizza il M5S, perche fa da 2 anni
    quello che la Lega, fa da 40 anni .

    Anzi se vogliamo nel M5S c’e qualche freno.
    Ci sono parlamentari interni che si oppongono.
    Ci sono ex parlamentari tipo Sara Cunial, che spiattellano la verita a tutti quelli che stanno nel palazzo, di modo che i parlamentari leghisti o meloni, non possono dire domani, di non sapere.

    Ma e’ esilerante vedere la parzialita di questo Blog, nel raccontare come stanno le cose.

    Ora mi chiedo, ma qui siete tutti deficenti oppure c’e qualcun’altro che non ingoia la ghianda?

Lascia un commento