Nizza, di attentatore tunisino doveva occuparsi Patronaggio: indagato ad Agrigento dopo sbarco

Condividi!

Allo sbarco indagato dalla procura di Agrigento, ma libero di andarsene. Solita indagine fasulla.

L’attentatore tunisino di Nizza, Brahim Aoussaoui, 21 anni, dopo il suo arrivo a Lampedusa, lo scorso 20 settembre, come apprende l’Adnkronos, era stato indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Con lui vennero iscritti nel registro degli indagati anche gli altri connazionali arrivati quel giorno sull’isola delle Pelagie. Quel giorno arrivarono a Lampedusa una ventina di barconi con a bordo soprattutto tunisini, tra cui il terrorista islamico.

Insomma, di lui doveva occuparsi Patronaggio.




Vox

Lascia un commento