Muore in auto davanti all’ospedale tra le urla della moglie: “fateci entrare!”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Avezzano. Muore davanti all’ospedale in attesa di un ricovero. Il 70enne, Enzo Di Felice, è morto ieri mattina di fronte al presidio ospedaliero di Avezzano, dopo essere stato rifiutato da un’altra struttura, mentre aspettava, all’interno della macchina, di essere visitato al pronto soccorso.

“Fateci entrare”: queste le grida disperate della moglie in attesa del ricovero, dopo essere passati dalla tenda triage allestita fuori l’ospedale destinata ai controlli per il coronavirus.

Prima di arrivare ad Avezzano l’uomo, era stato accompagnato dalla sorella e dalla moglie in una clinica privata accusando una forte crisi respiratoria. Una volta arrivati, però, sono stati costretti a rivolgersi al pronto soccorso di Avezzano per il mancato ricovero. Ma, una volta arrivati al pronto soccorso della città, le condizioni di Di Felice, originario di Luco dei Marsi, sono precipitate. L’uomo è morto in macchina accanto alla moglie e alla sorella alla guida. L’uomo non era affetto da coronavirus.

Secondo fonti della Asl provinciale dell’Aquila, l’uomo sarebbe anche stato soccorso dai medici dopo un quarto d’ora dall’arrivo ma ogni tentativo è stato vano. Sarà l’autopsia a stabilire le cause della morte.

Non è la prima volta che si verifica un episodio simile sempre nel piazzale dell’ospedale di Avezzano. Solo qualche giorno fa Maria Giuseppa Palma, una donna di 80 anni ospite della Rsa Don Orione di Avezzano, è morta in ambulanza di fronte al nosocomio perché i posti letto riservati ai malati di Covid-19 erano esauriti. La donna aveva contratto il coronavirus nella residenza sanitaria assistenziale in cui è stato individuato un focolaio con decine di contagiati.

Vedete qual è il problema? Non il virus in sé, ma il fatto che ingolfa gli ospedali.




10 pensieri su “Muore in auto davanti all’ospedale tra le urla della moglie: “fateci entrare!””

  1. Se fosse stato un negro di merda sicuramente lo avrebbero fatto entrare di gran carriera per paura di essere tacciati di razzismo. Purtroppo era solo un povero italiano che poteva pure crepare. Infatti l hanno lasciato morire come un cane.

  2. Il problema come dico da tempo, è il fatto che i comandanti degli ultimi dieci anni abbiano tagliato la sanità pubblica a favore dell’invasione e sostituzione etnica. Sentivo ieri a radio padania un giovane medico che denunciava il fatto che ci manchino tanti medici specialisti, come anestesisti e fra cinque anni ci sarà il pensionamento dei medici “vecchi”, saranno guai.
    La specializzazione dura di media cinque, sei anni e non si può prendere un giovane laureato e sbatterlo in un reparto in cui serve la specializzazione.
    Questo è la buona sanità di conte Dracula. Prima avevamo la buona scuola di Renzo, poi la buona agricoltura della Bellanova, adesso la buona sanità.
    Peccato che siano, buoni da…niente

  3. Hanno sempre la precedenza mussulmani e negri!!Se noi dobbiamo morire xché curano prima i negri allora chiudiamo tutti gli ospedali e queste merde di medici vadano in africa a dar via il culo!!!!Gli eroi di stokazzo!!!

      1. Proclamalo tu grand’uomo!!!E finiscila di attaccare tutti a cazzo con sta smania del nome, sei ossessionato!
        Ti ricordo inoltre che cintinui a dare del vigliacco a tutti quando TU rifiutasti un gentile incontro con Antani a tu x tu invitandolo a vedervi dai carabinieri quindi risparmiaci la morale.

        1. o compagno-vigliacco-pidocchio-rosso !!
          lo SCIOPERO-FISCALE io lo ho proclamato
          cinque anni fa sul mio “blog” dove
          -come ovunque io scriva- SOTTOSCRIVO con il mio Nome+Cognome, a differenza tua e del restante gregge puzzolente di pecore codarde le quali belano -invano- protette da un miserabile e vigliacco anonimato.
          quanto all’altro coglioncello “antani” :
          e anche per te e per tutti gli altri del gregge : trovate il mio numero di telefono sull’elenco telefonico di Torino e Provincia, vi sfido a telefonarmi e poi = CI VEDIAMO DAVANTI ALLA CASERMA CARABINIERI DI VIA S.B. VALFRE’ 5 TORINO o branco di vigliacchi miserabili sacrestani anonimi.
          N.B. = la “morale”
          -razza di cornuto cafone pecorone ignorante- METTITELA nel c**o …..
          siccome io ignoro la “morale”, o pezzo di somaro !
          IO TRATTO di ETICA ( concetto probabilmente a te ignoto, o coglioncello). PISS-OFF !

Lascia un commento