Don Malgesini, gip rivela esecuzione islamica: “Tunisino ha infierito, ha cercato di decapitarlo”

Condividi!

Esecuzione islamica:

VERIFICA LA NOTIZIA

Emergono ulteriori dettagli raccapriccianti sull’omicidio di don Roberto Malgesini, il prete ammazzato brutalmente a Como da Ridha Mahmoudi, un immigrato tunisino irregolare e colpito da decreto di espulsione mai eseguito. Secondo quanto emerge dall’ordinanza di convalida dell’arresto firmata dal gip di Como, il tunisino ha anche cercato di decapitare il prete: “L’ampia ferita al collo – scrive il consulente Giovanni Scola nell’ordinanza – appare suggerire un tentativo di decapitazione”. E ancora, si scopre che le coltellate sono state cinque o sei. Insomma, una furia brutale, quella dell’omicida. Nel suo delirante interrogatorio, Mahmoudi ha affermato che “il prete gli aveva chiesto perdono”, che lui però aveva ritenuto tardivo. Così, quando don Roberto si è abbassato per posare una scatola nella sua auto, il tunisino lo ha afferrato per i capelli e lo ha colpito al collo. E ancora, l’omicida avrebbe infierito sul cadavere con altre coltellate e, appunto, tentando di decapitare don Roberto.




Vox

10 pensieri su “Don Malgesini, gip rivela esecuzione islamica: “Tunisino ha infierito, ha cercato di decapitarlo””

  1. Saranno necessariamente state scattate fotografie del cadavere del prete nell’ambito del prescritto esame autoptico.
    Propongo pubblicamente che tali fotografie in formato grande ed a colori, vengano recapitate a =
    Presidente della Repubblica Italiana
    boldrini laura
    un capo di stato straniero che risulta si chiami jorge mario bergoglio
    salvo altri .

    1. Recapitare anche a: Mattia Santori, leader delle sardine, a tutte le comunità musulmane presenti in Italia, Luca casarini, Emma bonino, Teresa Bellanova, Giuseppe Conte, don Biancalani, con la speranza che si svegli, Nicola zingaretti , soros, tutti i buonisti e se ne ho scordato qualcuno, allungate voi la lista

  2. Chissà come questo dettagli escono sempre a posteriori mentre nel caso di willy da subito é stato detto che lo hanno pestato x 20 minuti, gli sono saltati sopra ecc..
    Qui, da 1 leggasi 1 coltellata alle spalle da parte di un povero folle, sono diventate 5 o 6 più il tentativo di decapitazione!

  3. ad essere onesto il bussulmano per fare un favore agli italiani, avrebbe dovuto decapitare la moglie…… tutte le donne che sposano un mussulmano sono o dei cessi, o delle handicappate, o delle pervertite che vogliono il pisello cioccolato, normali certamente non sono!…. almeno le troie bianche che pensano di accoppiarsi con il negro o il mussulmano di turno ci dovrebbero pensare meglio… il mussulmano ha messo in pratica il corano nulla di piu’.leggetelo ed istruitevi… la religione cristiana e’ una falsa religione e nonostante Gesu Cristo per loro e’ un profeta e quindi degno di rispetto, di fatti oltre il pedofilo assassino di maometto loro non rispettano nessuno!…. l islam e’ come un mostro basilisco che si nutre dei suoi adepti dei loro omicidi ai danni degli altri…(ovviamente i piu’ deboli) , e delle sue regole contro coloro che la pensano differentemente da loro….sono contento che ci siano una marea di moschee abusive specie nelle regioni rosse, li nascono e vengono istruiti coloro che sgozzeranno in massa i finocchi rossi che li accolgono….. e i magistrati a proteggere questa grande religione che e’ l islam…. forse perche’ a messa sti trogloditi non saranno mai andati

    1. Quando si ha un Vaticano non più cattolico a causa del concilio del 1962-65, voluto da Giovanni XXIII e concluso da Paolo VI, che attraverso le sue gerarchie favorisce l’immigrazione afroislamica e l’apertura di moschee nel nostro territorio, é inevitabile tutto questo.

      Oggi ricorre il 150mo anniversario della Breccia di Porta Pia che pose fine allo Stato Pontificio. É evidente che é necessaria una nuova breccia per cancellare la Città del Vaticano.

Lascia un commento