Palamara svela il piano delle toghe: “Vogliono colpire la Lega”

Condividi!

Palamara, ormai scaricato dai suoi compagni di merende, vuota il sacco. E svela il piano della magistratura ideologicamente corrotta.

Parlando dell’ultima offensiva della Procura di Milano, infatti, Palamara ha rivelato: “Se tutto questo è la riproposizione del vecchio gioco che ora ha nel mirino la Lega? Esatto”.

E lui sa bene come funziona la giustizia ad orologeria, avendo fatto parte della cabina di regia salvo poi ritrovarsi dall’altra parte della barricata.

L’obiettivo è chiaro: disarticolare la maggioranza sovranista. Tentare di salvare il Pd dalla disfatta in Toscana dove la Ceccardi è ora in vantaggio rispetto al candidato anonimo del Pd.

VERIFICA LA NOTIZIA

“La verità è che le persone sono infastidite”. Alessandra Ghisleri spiega perché tutto l’accanimento giudiziario sulla Lega e in particolare su Matteo Salvini può rivelarsi un clamoroso boomerang.

“Addirittura questi argomenti finiscono per galvanizzare gli elettori dei bersagli – ha spiegato la Ghisleri – che vedono nei loro beniamini dei martiri. È un meccanismo perverso: ad esempio, che senso ha indicare gli impresentabili nelle liste a due giorni dal voto? Semmai avresti dovuto farlo settimane prima per dar modo, a chi avesse voluto, di cambiare le candidature. La verità è che tutto ormai appare strumentale”. Strumentale al punto che, secondo Augusto Minzolini, la “ripetizione, la scontentezza del meccanismo, questi trent’anni trascorsi all’insegna dell’uso politico della giustizia ha fatto assumere la fenomeno i tratti della parodia”.

E infatti, ormai, tutti lo sanno: le toghe rosse sono la stessa cricca del Pd e odiano l’Italia.




Vox

3 pensieri su “Palamara svela il piano delle toghe: “Vogliono colpire la Lega””

  1. È difficile capire a quale parte dell’organizzazione degli americani vada la fedeltà di un loro agente. Vero, Minzolini? Tu per esempio, tifi l’uomo arancio o l’apparato globalista? E in che modo pensi di fare il bene del tuo popolo? Niente accuse, solo domande.

Lascia un commento