Seconda ondata in Spagna: 239 morti e 11mila nuovi positivi

Condividi!

Il covid continua ad avanzare in Spagna. Come si legge nell’edizione online di El Mundo, dai ieri sono stati registrati 11193 nuovi casi e 239 morti. La situazione appare particolarmente preoccupante nella Comunità di Madrid, che ha segnalato 1501 nuovi contagi, ben 589 in più rispetto a ieri. Negli ospedali della capitale sono stati registrati 27 decessi in 24 ore.




Vox

5 pensieri su “Seconda ondata in Spagna: 239 morti e 11mila nuovi positivi”

  1. La seconda ondata pi chia più duro della prima, del resto bastava seguire la situazione in sudamerica per capire cosa è in grado di fare il virus se lo fai sfogare per una intera stagione fredda. In Europa ci siamo salvati perché i cinesi ce li hanno portato troppi tardi, probabilmente a dicembre, ed il coronavirus non ha mai in girato al massimo dei giri. E’ un come un vecchio diesel, bisogna aspettare che si scaldi prima di mettere in moto, poi adagio all’inizio, non e’ veloce, non e’ scattante, ma non lo fermi piu’!

  2. Qui non attacca, stanno provando in tutti i modi, spalancando le porte ai mussulbastardi e ai necri, spalmandoli come merda su una fetta di pane!Se davvero torna(non credo), dovrà essere nostra cura sputare in faccia a tutti gli akkoglioni.

  3. MA RAZZA DI LEGAIOLI VIGLIACCHI E DISGRAZIATI, questi “dati” strafarlocchi da chi li ricevete, direttamente dalle fauci di Kill Gates e del suo impiegato itaGliano “dott.” Crisant(em)i???!!!… “SECONDA ONDATA” e “11193 nuovi casi” DI CHE, maledetti senza dignità?… “239 morti” DI COSA, viscidi leccanetaniahu?… veramente ormai mi mancano gli aggettivi per definire la vostra squallidissima MALAFEDE.

  4. Fallisi, il coronavirus esiste in quanto costringe il sistema sanitario di uno stato moderno a prendersi cura per periodi lunghissimi una piccola percentuale della popolazione. Siccome i contagiati potenziali sono praticamente tutta la popolazione, il coronavirus manda in tilt il paese, tanto più se nel paese vivono tanti vecchi e malati. 10.000 contagiati in assoluto non significano nulla, e’ vero, ma sono 100 volte di più di quando erano solo 100, e se quando c’è ne erano 100 almeno 5 andavano all’ospedale, ora all’ospedale vanno in 500. Poi, quando gli ospedali collassano e non ricoverano più nessuno, muoiono in tanti. Un virus peggiore non gli poteva capitare a medici e infermieri, vedrai che marzo si faranno quest’inverno. Per me dovrebbero chiudere gli ospedali da subito, altro che le scuole.

Lascia un commento