Lampedusa, appena sbarcati molestano bimba di 12 anni

Condividi!

Nel 2018 Rosy ha sporto denuncia ai carabinieri: «Avevo venticinque galline, me le hanno mangiate tutte. Pure i capretti. Stessa fine. I maiali no. Ne ho quattro. Quelli non li toccano». I musulmani non mangiano la carne suina. Per la loro religione è impura. «Vieni con me», fa al cronista, «ti faccio vedere un’altra cosa». Attraversando un falsopiano arido e ciottoloso si arriva a una sorta di capanno naturale, formato da piante di fico e pini piegati dal vento. «Mi sono spariti anche quattro cani. Li hanno mangiati. Cucinati. Arrostiti». A conferma del barbecue canino, Rosy mostra i resti del banchetto. «Qui hanno spellato il cane. E lì ci sono ancora i resti». La donna prende una pietra appuntita e, in mezzo all’erba, seleziona alcuni resti dell’animale. Si vedono le ossa della mascella e della spina dorsale.

Qualche tempo fa è successo un episodio. «Ero con mia figlia, quattordici anni. Stavamo raccogliendo erba fresca per i maiali. Da dietro a una pianta sono usciti in 12. Erano tunisini. Ubriachi. Ho avuto paura. Ammiccavano. Volevano offrirci dell’hashish. Uno di loro si è abbassato i pantaloni. Davanti alla mia bambina, capisci?». Rosy è agguerrita. «Qui su non posso più salire da sola. Non so mai chi ci trovo. A me non mi tutela un cazzo di nessuno. Ma se trovo ancora qualcuno a casa mia, te lo giuro: gli sparo».




Vox

2 pensieri su “Lampedusa, appena sbarcati molestano bimba di 12 anni”

  1. vabbeh si sapeva, i giornalisti veri snon pochi la magistatura dovrebbe indagare su finanziatori finanziamenti su truffe dei giornali italini e quelli on line: chi cè dietro fognpubblica, il rattoquotidiano, nextfrlocquotidiano?

Lascia un commento