Governo distrugge il turismo: 8 treni soppressi e 8mila turisti appiedati per il “distanziamento”

Condividi!

8mila passeggeri a terra e 8 treni cancellati nella sola giornata di oggi, domenica 2 agosto, in pieno esodo estivo. Distruggono anche il poco turismo rimasto, quello interno.

La bufera è scoppiata nella giornata di ieri, quando il Comitato tecnico scientifico si è detto sconcertato e preoccupato per la decisione di tornare al riempimento totale (o quasi) dei treni già da ora. Una scelta considerata pericolosa dagli esperti, che non si stancano di ricordare agli italini di mantenere la distanza di sicurezza di un metro e di indossare le mascherine quando necessario per ridurre il rischio di contagio. Possibile che Roberto Speranza, ministro della salute, fosse all’oscuro delle decisioni prese da Paola De Micheli, ministro dei trasporti? Il dpcm del 14 luglio era ben noto soprattutto agli operatori ferroviari, Trenitalia e Italo-NTV, che hanno messo in atto tutto il necessario per garantire la sicurezza a bordo in vista della possibilità di riempire i vagoni.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’entusiasmo di Trenitalia nel comunicare la possibilità di poter tornare a viaggiare con i treni al 100% ha però messo in allarme il Comitato tecnico scientifico, che pare non sia stato interpellato quando è stata presa questa decisione. Da qui il caos treni della giornata di ieri, che si è concluso con la marcia indietro di Roberto Speranza, che ha di fatto annullato il dpcm che permetteva i viaggi quasi al completo.

Flavio Cattaneo, vicedirettore Italo-NTV, nella serata di ieri ha annunciato a sorpresa la cancellazione di alcuni treni Italo già a partire da oggi.

Distanziamento, soppressi treni Italo: “Impossibile lavorare così”

Il risultato: 8mila italiani a piedi.




Vox

Un pensiero su “Governo distrugge il turismo: 8 treni soppressi e 8mila turisti appiedati per il “distanziamento””

Lascia un commento