Erdogan: “Preghiera islamica nella ‘moschea’ di Santa Sofia dal 24 luglio”

Condividi!

Santa Sofia sarà aperta al culto islamico a partire dal 24 luglio con la preghiera del venerdì. Lo ha annunciato il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, sostenendo nel suo discorso alla nazione che la riconversione da museo in moschea del monumento simbolo di Istanbul è un “diritto sovrano” della Turchia.

Costantinopoli non è Asia. Voi siete una delle ondate dell’orda mongola arrivata dalle steppe dell’Asia. Rispondere chiudendo tutte le moschee turche in Italia.




4 pensieri su “Erdogan: “Preghiera islamica nella ‘moschea’ di Santa Sofia dal 24 luglio””

  1. La Tracia sicuramente non è Asia geograficamente, tuttavia debbo sottolineare che anche molti territori geograficamente asiatici o nordafricani (tra parentesi, è poco noto che l’Egitto nell’antichità venisse compreso in Asia, non in Africa) dovrebbero tornare nell’alveo della cristianità ortodossa. Lo sfaldamento dell’impero ottomano offrì un’occasione d’oro, il grande sogno della Crociate pienamente e piamente realizzato. Ma all’occupazione e l’amministrazione non corrispose alcun tentativo di riconversione delle popolazioni. C’è anche da dire che si è avuto poco tempo, pochi decenni, oltre al fatto che Francia e Regno Unito non fossero interessati ad una conversione religiosa che avrebbe potuto far diventare di lungo periodo l’occupazione o far sorgere stati cristiani in Siria, Egitto, Africa del nord e Anatolia, come sarebbe dovuto essere in assenza di secoli di dominazione araba.

  2. Loro sono sovranisti e guarda a caso fanno rispettare una volontà popolare. In Italia anche se lo vuole il popolo, non si può per la dittatura aperta a tutti. In effetti ci sono molte chiese trasformate in moschee. Strano che nessuno dell’alto clero stia zitto, forse hanno paura dei buonisti

Lascia un commento