Lampedusa, cittadini rivendicano chiusura monumento all’invasione: “stop immigrati, vogliamo turismo”

Condividi!

All’inizio si è pensato persino a un omaggio a Christo, il più famoso rappresentante della Land art scomparso tre giorni fa a New York. Il che descrive perfettamente la soggettività dell’arte moderna.

Ma quei sacchi di plastica dell’immondizia con nastro adesivo che hanno impacchettato La Porta d’Europa, il delirante obbrobrio di Mimmo Paladino per celebrare l’invasione, non era arte moderna: ma gesto futurista.

«Lampedusa – si legge in un post su Facebook – comincia ad essere stufa di sbarchi e di un governo che favorisce l’immigrazione». «Siamo in emergenza Covid si legge ancora – per tutt’Italia tranne che per Lampedusa, dove gli sbarchi sono a go go e le procedure sanitarie quasi non esistono. La Porta d’Europa impacchettata a dovere e spedita all’Unione europea e a questo governo pro-immigrazione. Vogliamo vivere di turismo, non d’immigrazione».

L’errore l’avete fatto e continuate a farlo non bloccando fisicamente i porti.




2 pensieri su “Lampedusa, cittadini rivendicano chiusura monumento all’invasione: “stop immigrati, vogliamo turismo””

  1. Forse l’errore lo hanno fatto quando hanno eletto sindaci accoglioni. Non hanno avuto la lungimiranza di prevedere che Sindaci come Giusy Nicolini (prima) e Salvatore Martello (poi) avrebbero fatto danni accondiscendendo ai desiderata dei governi accoglienti e solidali e mandando a puttane il turismo (perchè adesso a Lampedusa chi ci va in vacanza in mezzo ai negri?)
    Adesso i Lampedusani vogliono chiudere la stalla dopo che sono scappati i buoi! Peccato!
    Potevano votare a destra forse non si sarebbero trovati in questa condizione.

Lascia un commento