L’Euro è una rapina: prima eravamo i più ricchi di tutti

Condividi!

L’euro è stata una rapina. E la Ue è una gabbia da cui dobbiamo uscire: ci impone zingari, ci impone di dare i sussidi agli immigrati e di non riportare i clandestini in Libia.

VERIFICA LA NOTIZIA
Il primo gennaio del 1999 2000 diventava la ‘nostra’ moneta.

Il grafico seguente mostra la differenza tra il Pil pro-capite italiano (la ricchezza media dei cittadini italiani) e quello medio di cittadini degli altri Paesi Ue.

Per l’Italia è stata una lunga cavalcata dagli anni sessanta, fino al punto massimo raggiunto nel 1995, quando il cittadino medio italiano era più ricco della media Ue di quasi 500 euro attuali. E al tempo, nella Ue c’erano solo Paesi ricchi come, ad esempio, Germania, Francia e Olanda.

Questo significava che l’Italia era diventata ‘troppo’ competitiva. E minacciava l’industria tedesca. Si doveva correre ai ripari. A quel tempo è nato l’Euro: che è una spaventoso passaggio di ricchezza dall’Italia (e dagli altri paesi) alla Germania e dai lavoratori tedeschi agli industriali tedeschi.

Nel 1995 si inizia infatti a far convergere i cambi fino al drammatico avvento dell’Euro avvenuto nel 1999.

Oggi, il cittadino italiano medio si impoverisce rispetto ad un cittadino medio Ue di oltre 5mila euro l’anno. Non parliamo di quanto rispetto ad un tedesco o ad un britannico che ha la sua moneta.

L’Euro è stato questo. Una catastrofe per l’Italia.

Nei grafici che seguono è invece possibile osservare l’andamento della povertà assoluta, del risparmio e del valore degli immobili negli ultimi anni. Quelli in cui la UE e l’euro ci hanno protetti, come usano dire gli eurofanatici:




3 pensieri su “L’Euro è una rapina: prima eravamo i più ricchi di tutti”

  1. Tagliare a metà i risparmi pochi o tanti che fossero è stato il primo passo poi la gente non faceva i conti al supermercato vedevi i carrelli pieni come se la merce costasse meno, invece quelli meno scemi (pochissimi!) avevano capito che i prezzi erano letteralmente raddoppiati. Senza un calmiere chi aveva un attività si è approfittato. Gli immobili invece hanno incominciato il declino ma valevano sin da subito la metà, per il potere d’acquisto vendendoli.

  2. Beh sì c’era più ricchezza, ma i lavoratori dipendenti avevano comunque lo stesso problema che hanno oggi, quello di essere sottopagati. Categorie come quelle dei commercianti e degli artigiani, che all’epoca della lira erano benestanti, oggi con la moneta unica sono col culo per terra. E comunque se abbiamo l’euro è grazie ad una classe politica che non fa mai gli interessi nazionali ma quelli degli altri.

Lascia un commento