Immigrato insoddisfatto devasta hotel: spacca menisco a volontaria

Condividi!

Ancora violenze degli immigrati nell’hotel Parlapà di Alpignano.

Alpignano, Profughi in rivolta: “Vogliamo vestiti nuovi” – VIDEO

I carabinieri di Rivoli hanno arrestato un fancazzista di 21 anni del Gambia, ospite del Centro di accoglienza straordinaria (Cas) di Alpignano allestito all’interno dell’Hotel Parlapà. L’africano dovrà rispondere di danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, violenza e minaccia a incaricato di pubblico servizio.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’immigrato ha devastato l’hotel e aggredito un’operatrice che cercava di calmarlo. La donna è stata ricoverata all’ospedale di Rivoli per la rottura del menisco del ginocchio destro.

I colleghi della donna hanno allertato i carabinieri che giunti sul posto hanno cercato di bloccare il 21enne. Questi ha opposto resistenza ma dopo alcuni minuti è stato immobilizzato e trasportato in carcere, a disposizione dell’autorità giudiziaria.




10 pensieri su “Immigrato insoddisfatto devasta hotel: spacca menisco a volontaria”

  1. Poteva spaccargli anche la testa,
    Volontaria?
    Poteva farlo al canile.
    La avrei apprezzata. Per me i cani hanno un intrinsico. Il negrum ha fatto bene, tu donna bianca lo hai fatto incazzare,
    E lui da buon mussulmanno ti ha battezzato.

    1. E’ più commendevole accudire i cani in canile che un gambiano in un centro di accoglienza.
      I cani sono riconoscenti, si affezionano a chi li accudisce, sono di compagnia e restituiscono tanta gioia.
      Fare del bene ad un gambiano è da cerebropatica del PD.
      Chissà che alla ragazza, vittima colpevole, dopo il fattaccio non gli sia venuta una illuminazione …… ed abbia avuto una remissione della patologia.

  2. Cibo poco vario e poca FIGA, nel contratto con quei maiali di libici, era previsto hotel 5 stelle e figa a volontà e schei in tasca.
    Sapete questi cosa pensano delle donne, chiedetelo alla sboldrini.
    Bene ha romperti la gamba, un insegnamento, la prossima tieniti caro la melina,KAZZARA DI UNA SARDINA

  3. Un menisco è una piccola membrana che verra’ presto riparata. Poca cosa per questa sorella che è disposta a sacrificare la sua vita per il bene di questa sfortunata umanita’ alla ricerca disperata di un riscatto spirituale. Perdoniamo e meditiamo.

    1. Ma dici sul serio? Questi sono animali, ma quale riscatto e da cosa?. Se non hanno libertà e spazi a casa loro, facciano come i nostri avi del Risorgimento, che le basi di un futuro dignitoso le hanno guadagnate col sudore e col sangue. Qui non si accetta più di regredire all’età della pietra e dei selvaggi in nome di un mucchio di pietose sciocchezze.🇮🇹

  4. Perdoniamo e meditiamo. Meditiamo che siamo comandati, non governati, da un coacervo di “celebroleSsi” le cui poltrone, sono i “cessi” malnetti (zozzi) pubblici.
    All’ hotel Pirlapa’ dovevano ospitare gli italiani in difficoltà ed i turisti, non questi energumeni. Sul fatto di perdonare, l’atto ha senso se gli ospiti in questione capiscono di aver sbagliato e non lo fanno più e se avessimo, contemporaneamente, uno stato che garantisse punizioni severe trasformandoli in persone civili.
    Preghiamo piuttosto che se ne vadano via

  5. .. ma la sig.ra colpita è una lavoratrice o una volontaria? Nel 2° ca-so.. la risorsa gliene ha date poche…. Se è una lavoratrice mi disp veramente tanto, in quei posti non dovrebbero mandare a lavora-re delle donne, cosa deve succedere ancora xchè la smettano? Non ditemelo… mi sono già risposta!!!

Lascia un commento