Buoni spesa ai poveri italiani: grillini insorgono contro il sindaco leghista

Condividi!




10 pensieri su “Buoni spesa ai poveri italiani: grillini insorgono contro il sindaco leghista”

    1. Tranquillo Helios, nessuno voterà più, a meno che noi si ripristini un ordine nuovo. Il loro intento era di andare al potere per creare il caos, la distruzione, lo hanno raggiunto con il reddito per assicurarsi i voti, ma le mamme di una volta ti davano buoni consigli: “non prendere caramelle dagli sconosciuti“ era una buona e saggia norma.

    1. Credo, come dicevo, che l’errore sia considerare il loro sistema come era il nostro in passato. Votazioni ecc spariranno, a conferma di quello che dico ci sono i referendum mai eseguiti realmente, ma facevano parte del loro proggetto politico. Era tutta una farsa. Questo sistema di dominio ha poco a che fare con i principii comunisti tradizionali, è un manipolo di 300 o più persone che ha ramificazioni in tutto il mondo che decide come deve essere strutturata la nuova società. I kompagni della strada, il popolino stupido e boccalone ha creduto di ravvisare in loro le vestigia di un passato partigiano ma si troveranno con un cerino in mano ad averli sostenuti per ovvi motivi.

  1. I “grillini” sono quelli che prima votavano PD e grazie al Bomba fiorentino che è riuscito a far crollare il suo ex partito ma la gente che ha quella mentalità rimane sempre la stessa, falsi perbenisti, falsi buonisti, molti ipocriti e anche che chi ci razzola per interesse personale

  2. Ogni volta che scrivo “progetto” il sistema me lo cambia in automatico e mette due g e devo lottare per correggere anche molte altre parole, se me ne accorgo per cambiare nuovamente, ma non so come eliminare il correttore. Vabbè è uguale.

Lascia un commento