Dicevano che le mascherine non servivano,hanno mentito: vanno arrestati per strage

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA

All’inizio dell’epidemia lo Stato, con tutto l’apparato mediatico ufficiale, compresi sedicenti virologi, ha insistito sull’inutilità di indossare le mascherine. Mentendo.

Mentendo, perché non c’erano abbastanza dispositivi per tutti. Visto che per mesi non avevano organizzato alcuna scorta. Anzi, le avevano regalate a destra e a manca.

In questo modo, come spiega anche Maurizio Viecca, il direttore di Cardiologia dell’ospedale Sacco di Milano, l’epidemia sarebbe stato un problema relativo. L’accusa è gravissima: “La mascherina va portata da tutti, nei Paesi in cui sono state disponibili per tutti, il problema è stato risolto con successo”.

Capito? Se gli scellerati al governo avessero predisposto per tempo un numero sufficiente di mascherine, oggi non piangeremmo migliaia di morti. Ma 169 come in Corea del Sud.

E ora si apprende che l’utilizzo della mascherina è ancora più necessario.

Secondo i media ufficiali, sostenuti anche dall’Oms, sarebbe inutile indossarle per strada. Peccato però che gli studi delle ultime settimane dicano il contrario: la diffusione del Covid-19 nell’aria è più sostenuta di quanto si ritenesse inizialmente. Tanto che, per esempio, Donald Trump e la sua amministrazione consigliano, ora, l’uso dello strumento in ogni contesto. Tanto che anche l’Oms, si apprende, sarebbe pronto a cambiare le linee guida al riguardo.

Lo spiega Davyd Heymann, il responsabile del panel che si occupa dell’argomento presso l’Organizzazione di Ginevra, il quale ha annunciato alla Bbc: “Stiamo studiando le nuove evidenze scientifiche e siamo pronti a cambiare le linee guida, se necessario”. Dunque le spiegazioni di Paolo D’Ancona, epidemiologo dell’Iss, citato sempre da Repubblica: “Allo stato attuale delle conoscenze sappiamo che il coronavirus si trasmette prevalentemente attraverso le goccioline nell’ aria. Negli ospedali con molti pazienti sottoposti a ventilazione meccanica potrebbe disperdersi anche con aerosol”. La differenza tra goccioline ed aerosol sta nelle dimensioni delle sfere di saliva che trasportano il coronavirus. Una piccola differenza con grosse implicazioni nel contagio: le goccioline viaggiano 1-2 metri dalla persona che le emette e cadono subito a terra. L’aerosol resta sospeso in aria e può raggiungere distanze maggiori. Ed è il possibile contagio da aerosol a far vacillare l’Oms, che potrebbe come detto cambiare idea sull’uso della mascherina. Inoltre, se le cose fossero così, significa che il Covid-19 potrebbe restare a lungo in ambienti chiusi, quali ascensori e qualsiasi stanza.

Insomma, non solo hanno mentito sapendo che le loro menzogne avrebbero favorito il contagio, ma hanno anche assicurato gli italiani in base a studi non conclusivi spacciando le loro teorie per verità scientifiche. Sono quelli che tacciano gli altri di spacciare fake news. Quando invece le spacciano loro. Da sempre.

E questa volta causando migliaia di morti.

Chi spaccia panzane per cure miracolose, viene giustamente arrestato:

Chi ha favorito il contagio dicendo agli italiani di non indossare la mascherina è al governo.

Intanto, milioni di mascherine bloccate:




3 pensieri su “Dicevano che le mascherine non servivano,hanno mentito: vanno arrestati per strage”

  1. (((Davyd Heymann))) – certo che sta gente sono veramente come i Fremen di Dune: dicono che siano pochissimi ma sono ovunque.

    Per essere sicuri al 100% serve una tuta a pressione positiva, per essere sicuri almeno al 99% bisogna vestirsi come Putin, con mascherina filtro N100 e “full hazmat”.

    Perchè vi ricordo che passa anche dai pori della pelle dall’alto dei suoi 0.112 nanometri.

  2. Ma infatti, nel libro l’ombra dello scorpione medici ed infermieri governativi indossavano tute scafandrate a pressione positiva, ed eravamo negli anni ’70. Qui stiamo ancora ai pannicelli caldi ed alle grida manzoniana di manzoniana memoria. Spaccaje le corna Coro’!

Lascia un commento