Al personale sanitario mascherine antipolvere per muratori – FOTO

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Non c’è più nessun problema per le mascherine, si affannano a dire nel governo a ai vertici della Protezione civile. Eppure, anche ieri, in uno dei giorni più “caldi” del fronte emiliano-romagnolo, alla la clinica universitaria Sant’Orsola di Bologna è capitato l’assurdo.

Ai sanitari che operano nella “area critica” – dove il Covid gira e i pazienti sono in terapia “cppap” – hanno consegnato mascherine del tipo FFP2. Cioè, le protezioni a uso edilizio, quelle che si indossano per non respirare la polvere quando si costruisce o si vernicia un muro. Per imbianchini – per intendersi- non per medici che lottano per non morire anche loro contagiati.

La denuncia viene dagli stessi operatori sanitari del nosocomio bolognese, i quali hanno anche fatto girare la foto della scandalosa fornitura. Dunque, al di là delle insistenti rassicurazioni, proprio il personale sanitario sarebbe ancora esposto a gravi rischio di contagio e di trasmissione del virus. Vanificando gravemente i sacrifici che tutti stanno sopportando per il contenimento del Covid-19.
Mascherine farlocche, esposto alla Procura




8 pensieri su “Al personale sanitario mascherine antipolvere per muratori – FOTO”

  1. Scusate, però : non ci sono ffp2 o 3 sanitarie o per i mestieri. Sono le stesse, nascono per filtrare particelle di silicio, amianto, polveri generiche e volatilizzazione. Poi specie ( se non solo ) le ffp3 data la struttura del materiale filtrante, trattengono anche microgocce e/o particelle biologiche. Ora va bene non fargliene passare una , però…..

  2. Anche le semimaschere o le maschere facciali ( quelle col “tubo” davanti per capirsi ) hanno filtri cambiabili , o antigas, per ovvii mestieri o antiparticolato P3 che chi c’è l ha deve usare per il rischio biologico. Questo filtro che si riconosce perché bordato di bianco , nasce , anche in questo caso per le polveri.

  3. Si, oltretutto se le mascherine non funzionano per noi e’ anche meglio, perché in questo modo convinti di essere protetti i sanitari si infettano ed infettano di più, che per schiodare Conte purtroppo ci vuole la carneficina…

  4. Scusate, ma una ffp2 è tale a prescindere che sulla scatola ci sia scritto per sanitari o muratori. Queste mascherine vanno bene, il problema semmai è che non ce ne sono per il popolo che deve accontentarsi, quando le trova a prezzi salatissimi, delle chirurgiche, spesso prodotte artigianalmente.

  5. Continuo ad usare quelle del bricolage con la valvola, le sanifico dopo l’uso a rotazione immergendole nell’acqua sapone e candeggina, poi le frego bene con una spazzolina apposita e quando le indosso metto all’interno un foglio di scottex oppure una di quelle verdine chirurgiche. Non riesco quasi a respirare, quindi se non entra l’aria, non entreranno nemmeno molti virus, mi direte… ne basta uno. Quelle militari vintage la vedo dura andarci in giro. Si potrebbe creare una mascherina personalizzata staccando la valvola e al suo posto inserire un tubo (nuovo 😄della lavatrice o quello di scarico della caldaia a condensazione, che me ne era avanzato un pezzo. Inserendo all’interno, verso il fondo dei filtri più efficaci. Posso sacrificarne una e provare…

Lascia un commento