Morire a 78 anni perché il tuo governo non ha voluto chiudere le frontiere

Condividi!

Morire a 78 anni, dopo una vita di lavoro, perché il tuo fottuto governo non eletto e abusivo non ha voluto chiudere le frontiere e mettere in quarantena chi arrivava dalla Cina, italiani compresi.

Quante volte abbiamo scritto che era folle mettere in quarantena i nostri connazionali alla Cecchignola e non chi arrivava con scalo in altri Paesi? Quante volte abbiamo scritto che porti e aeroporti andavano chiusi non appena si era diffusa la notizia della quarantena nelle megalopoli cinesi, visto che, ovviamente, se dicevano che era iniziata a gennaio, essendo la Cina, significava che era in realtà iniziato tutto mesi prima.

Non lo dicevamo solo noi, lo hanno detto fior di virologi ed epidemiologi come Burioni e Lopalco. Tutto inutile, se ne sono fregati. E ora piangiamo la prima vittima della follia di un branco di accoglioni che vuole frontiere e porti aperti non importano le conseguenze: bravi.

E’ lo stesso che accade con il terrorismo islamico: pur di non chiudere le frontiere ai musulmani fanno morire migliaia di cittadini.

Per loro siamo tutti sacrificabili in nome e per il progetto di un mondo senza frontiere. Il mondo dei ricchi che male che vada se ne scappano alle Bahamas o in qualche bunker di lusso.

Pensiamo una cosa: quest’uomo è morto dopo un ricovero di quindici giorni in ospedale per altri motivi, per il coronavirus era asintomatico. Quanti dei vostri figli a scuola con i cinesi che il governo abusivo non ha voluto mettere in quarantena l’hanno preso, e ancora non lo sapete?




2 pensieri su “Morire a 78 anni perché il tuo governo non ha voluto chiudere le frontiere”

Lascia un commento