Sardine dei centri sociali attaccano gazebo Lega: “Fascisti di m***a”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Al delirante grido “fasciti di me***”, sardine del centro sociale Cpa di Firenze hanno aggredito adue giovani militanti della Lega, “colpevoli” di aver allestito un gazebo informativo in città. Sul posto è dovuta intervenire la polizia, che non potendo garantire l’ordine pubblico, ha fatto spostare il gazebo in un luogo più sicuro!

Gli attivisti del centro sociale erano diretti ad una manifestazione quando hanno incrociato per caso il gazebo leghista: “Non posso che ringraziare le forze dell’ordine – ha dichiarato Alessandro Scipioni, segretario provinciale della Lega – anche se ancora una volta rabbrividisco per la poca cultura democratica che hanno gli estremisti di sinistra in questo paese. I violenti devono essere isolati e puniti, le loro intimidazioni non ci fermeranno”.

Sardine a Firenze: aggrediti sindaco e assessore Lega

A Firenze aggrediti il sindaco di Massa, Francesco Persiani, con figlia e moglie, e l’assessore Veronica Ravagli che è stata scaraventata a terra, tra sputi e insulti.

Posted by Forze Armate Italiane FF. AA. on Saturday, November 30, 2019

E’ l’ennesima aggressione del genere a Firenze:

Sardine a Firenze: aggrediti sindaco Lega con figlia e moglie, sputi e insulti – VIDEO CHOC

‘Sardine’: sputi, minacce e aggressione contro le donne della Lega – VIDEO




3 pensieri su “Sardine dei centri sociali attaccano gazebo Lega: “Fascisti di m***a””

  1. Proprio non capiscono chi e cosa rappresentano questi cannati dei centri “sociali”.Del resto a loro interessa spalleggiare chi é x la droga libera, le okkupazioni, la depenalizzazione dei reati di furto, spaçcio, stupro ecc.
    Loro sostengono chi gli lascia carta bianca x fare il cazzo che gli lare senza lavorare, loro sono pantegane!

  2. Il Fascismo non basta e neanche il nazismo o il comunismo di Stalin possono far rinsavire questa gente qua alla Santori. Ci vuole una guerra civile di sterminio, non provocata ma subita di noi bianchi, guerra che in realtà già ci muovono contro e di cui ci rischiamo di renderci conto troppo tardi, ossia quando saremo vecchi e gli infermieri o le badanti islamiche ci sputeranno in bocca e ci prenderanno a schiaffoni prima della risolutiva iniezione d’aria che ci manda al creatore.

Lascia un commento