Migranti assaltano caserma Carabinieri: con furgone sfonda recinzione

Condividi!

Una rom di 52 anni è stata arrestata per aver assaltato e sfondato con un furgone la recinzione perimetrale della caserma dei carabinieri di Sesto San Giovanni (Milano).

La donna, bosniaca, lo ha fatto per “protestare contro l’arresto del figlio”. Accusata di distruzione di opera militare, rischia una condanna a otto anni.

Chiamata dai carabinieri dopo il fermo di suo figlio, un 27 enne pregiudicato che ha tentato di evitare un controllo dei militari ed è risultato colpito da divieto di permanenza in Italia e pertanto arrestato, ieri sera la madre si è presentata in caserma a Sesto San Giovanni (Milano) su richiesta degli stessi carabinieri.

Il problema va risolto alla radice. Il problema è che figliano troppo.




3 pensieri su “Migranti assaltano caserma Carabinieri: con furgone sfonda recinzione”

    1. A dirla tutta io a casa non ci rimanderei nessuno se non già “trattato”!
      Queste cose accadono x colpa dei magistrati rossi che liberano all’istante tutti i criminali stranieri, il clima di totale l’impunità li incoraggia a compiere gesti simili ben sapendo che il rischio é 0!!!Se invece le forze dell’ordine fossero autorizzate a reagire come si conviene ovvero sparando, ci penserebbero bene.prima di farlo!!!

  1. Chirurgia, chemioterpia e radioterapia! E se non basta, un bel colpo di pistola alla nuca con obbligo di assistere ale esecuzioni. Il popolo va riabituato ai castighi ed alle pene, donne e bambini soprattutto vanno resi insensibili ai supplizi.

Lascia un commento