Egitto: islamici bruciano le case dei cristiani perché hanno celebrato il Natale

Condividi!

Copts United News riporta che alcune case dei cristiani egiziani sono state incendiate la sera del 24 dicembre a Qena. L’incidente è avvenuto pochi giorni prima che i cristiani copti ortodossi celebrassero il Natale, il 7 gennaio. L’incendio doloso è stato una vendetta perché i cristiani avevano voluto pregare insieme nei giorni precedenti il Natale. Il villaggio aveva richiesto la legalizzazione della chiesa un anno fa, ma da allora non sono stati fatti progressi.

VERIFICA LA NOTIZIA

La presenza di chiese è una questione molto controversa in Egitto. Le leggi del paese regolano fortemente questo processo, sebbene in misura minore rispetto agli anni precedenti. Le chiese sono spesso una presenza indesiderata nei villaggi, anche nei casi in cui la popolazione ha una forte maggioranza cristiana. Gli estremisti islamici spesso fanno tutto ciò che è in loro potere per impedire alle chiese di operare e per impedire ai cristiani di vivere serenamente all’interno dei villaggi.

I Copti sono gli abitanti originari dell’Egitto, che era cristiano prima dell’invasione araba con schiavi al seguito. Ora sono il 10 per cento della popolazione.

In Egitto i cristiani subiscono attacchi e persecuzioni dalla popolazione islamica e le istituzioni locali non intervengono per timore che la popolazione si schieri, ancora una volta, con i Fratelli Musulmani.




Lascia un commento