Scandalo Vaticano: solo 10% offerte finisce ai poveri, 90% se lo pappano loro

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il Wall Street Journal svela la gestione dei fondi del Vaticano. Il cosiddetto “Obolo di San Pietro”, il denaro donato dai cattolici di tutto il mondo e destinato al Papa, che lo investe nella gestione della Chiesa e nelle sue missioni in tutto il mondo, in realtà viene utilizzato per investimenti ad alto rischio.

Soltanto una piccola percentuale dell’Obolo sarebbe destinata ad opere caritatevoli: la maggior parte è investita o va a finanziare il bilancio del Vaticano.

Negli ultimi cinque anni solo il 10 per cento del denaro raccolto è stato usato per le ragioni che la Chiesa millanta: circa due terzi sono finiti a coprire il deficit finanziario della mastodontica struttura politica della Santa Sede.

Nel 2018, scrive sempre il Wall Street Journal, l’Obolo ammontava complessivamente a circa 600 milioni di euro, in calo rispetto al pontificato precedente dove aveva toccato i 700 milioni di euro. È il risultato di una diminuzione delle donazioni, che sono passate da 60 a 50 milioni di euro solo dal 2017 al 2018; per il 2019 è previsto un ulteriore calo.

I fedeli non si fidano più.




Un pensiero su “Scandalo Vaticano: solo 10% offerte finisce ai poveri, 90% se lo pappano loro”

Lascia un commento