Senatore PD ha fatto soldi coi profughi: votava per i porti aperti

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il parlamentare democratico Mauro Maria Marino, alla quinta legislatura di fila, ha deciso tempo fa di mettere a frutto le sue proprietà – tre case in una palazzina di sua proprietà a Chieri, in provincia di Torino – ospitando a spese dei contribuenti 18 richiedenti asilo. Ne dava notizia un giornale locale.

In Parlamento votava a favore dell’operazione Mare Nostrum, a casa affittava ai sedicenti profughi.

Ed è stato solo uno dei tanti casi.

E così i fondi del governo Pd finivano a un esponente politico che appoggiava il governo Pd. Un senatore che ha votato per ospitare i finti profughi, incassava i soldi grazie alla legge che lui stesso aveva votato.

Non solo. Nell’affare c’era anche la solita cooperativa di partito, la cooperativa Trame di Carignano. ‘Trame’ è il termine giusto.

Il sindaco, tal Claudio Martano, anche lui PD, definì le polemiche “stupide e infondate”: “E’ avvenuto tutto alla luce del sole, c’è stato un bando pubblico, i locali sono stati individuati attraverso le segnalazioni delle agenzie immobiliari”.

Certo. O ti metti a novanta gradi verso i loro affari, o sei ‘stupido’. Ma voi siete ladri. Di democrazia. E non solo.




Lascia un commento