Suora che fa soldi con immigrati scende in piazza con le sardine: “Razzismo dilagante”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Ex vice presidente della Compagnia di San Paolo, è una religiosa di 84 anni che guida la onlus Mamre, a$$ociazione da lei fondata che fa business con l’accoglienza dei fancazzisti, i soliti richiedenti asilo.

E fa bei soldi con PD e M5s. Tra i progetti in corso della onlu$ di suor Giuliana ce n’è, infatti, uno finanziato dal comune di Torino per il “sostegno psicologico, consulenze etnopsichiatriche e mediazione culturale alle famiglie immigrate”.

E un altro: “prevenzione, salute mentale e immigrazione: sostegno psicologico, psicoterapia ed etnopsichiatria per persone migranti”.

Suor Giuliana Galli è “pronta ad andare in piazza” con le ‘sardine’ perché “condivido le ragioni di questo movimento, trovo giuste le ragioni che lo ispirano”.

“C’è un razzismo dilagante. Se penso poi alle offese a persone come Ilaria Cucchi e al fratello, a Liliana Segre che hanno vissuto tragedie e, arrivati ad un momento particolare della loro vita, sono stati sbeffeggiati con parole e atteggiamenti poco umani. Siamo davanti a situazioni anche poco cristiane, al di là di esibiti simboli cristiani. C’è una discrepanza tra un modo di parlare e di agire che contrasta quasi radicalmente con quello che è il messaggio umano e cristiano. La cosa buona di questo movimento è che diffonde un senso di pulizia e armonia, è positivo”.

Su Salvini: “io quella persona non la menziono neanche per sogno perché tutte le volte che si parla di qualcuno gli si dà spazio. E’ il non violento e molto altro che le sardine portano alla luce”, ha detto la religiosa. Poi ha spiegato meglio, con parole che sembrano uscite da un volantino di un centro sociale: “In questo momento la piazza delle ‘sardine’ vorrebbe fare emergere dei valori fondamentali contro il razzismo, il nazifascismo nero e brutto, contro tutto ciò che è disumano“.

Chi è suor Giuliana?
Ma chi è suor Giuliana e come mai a suo avviso “c’è un razzismo dilagante”?




5 pensieri su “Suora che fa soldi con immigrati scende in piazza con le sardine: “Razzismo dilagante””

  1. Continuano a definire razzismo il desiderio naturale di sopravvivenza, per se e per i propri figli. Questi porci (chiedo scusa ai maiali veri, è solo un brutto modo di dire piccoli!) dicevo…questi schifosi si occupano della psiche degli stranieri, inventandosi una nuova branca: la etnopsichiatra.
    E alla nostra, vituperata, calpestata, chi ci pensa?
    Quando leggo certe dichiarazioni spero che l’isis colpisca il vaticano, radendolo al suolo.
    Si accaniscono con Salvini e non con la Meloni. Chiediamoci il perché. La Signora confronto all’ex premier è più agguerrita e le frasi taglienti proferite, sia durante i comizi, sia in tv, fanno impallidire “il nulla” di Salvini.
    Vorrei che qualcuno spiegasse qua* perché è solo lui bersaglio di odio, forse perché incarna noi recalcitranti? Un novello Gesu da crocifiggere per punire tutti quanti abbiano l’ardire di opporsi al volere europeista? Forse…

    *Parlate ragazzi/e, dite quello che pensate, nessuno di noi ha la penna divina, fateci partecipi di tutto il vostro malcontento, senza vergognarvi mai. Esternare il proprio tumultuoso dissenso nel web è il primo passo per la rivoluzione. Quella vera.

Lascia un commento