Ungheria protesta contro riapertura porti italiani: “Deplorevole e pericoloso”

Condividi!

“Deplorevole e pericoloso”: così il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto, protesta a nome del suo governo per la riapertura dei porti italiani.

“E’ un incentivo per i trafficanti e per i migranti stessi, che potranno arrivare di nuovo in massa”, ha sostenuto il ministro in dichiarazioni all’emittente Mtv1.

Quello dell’apertura di qualche porto è solo il primo passo, ha sostenuto Szijjarto, ricordando che il governo italiano vuole anche ridistribuire clandestini nell’Ue: “L’Ungheria non accetterà mai quote di accoglienza. Lo rifiutiamo e difenderemo i nostri confini”, ha detto il ministro ungherese.

Gli afroislamici vanno respinti, non redistribuiti.

L’intervento di Salvini:




2 pensieri su “Ungheria protesta contro riapertura porti italiani: “Deplorevole e pericoloso””

  1. La “linea dura” di cui parla quel porco di salvini era costituita unicamente dal far stazionare i barconi il più possibile davanti alle coste, mentre tutti gli altri arrivavano indisturbati via terra e in aereo. Schifoso! Che muovano il culo e vengano a combattere insieme a noi gli ungheresi, se non gli va bene, altro che far prendere aria alla lingua.

  2. Ma quanto stroza se.
    Ma che sei un camaleonte?
    Una volta stai a destra una volta a sinistra,, ma hai bevuto?
    Orban a casa sua fa quel che vuole.
    Che centra Salvini.
    E semmai perche non fai tu qualche cosa e non solo bla bla bla.
    Chiudi quel tuo forno che puzza

Lascia un commento